Isole greche svendute a prezzi stracciati

24 aprile 2012 10:440 commenti

La Grecia è nella morsa della crisi economica e in Governo continua ad aumentare le tassazioni anche per i numerosi proprietari delle meravigliose isole dell’arcipelago greco. Troppo, con il risultato che i proprietari (che molto spesso hanno ereditato gli isolotti) stanno seriamente pensando di vendere questi magnifici scenari naturali. Da qualche tempo è infatti ripresa freneticamente l’attività di compravendita e di investimenti nel lussuoso settore delle isole private.

Non si tratta certo di un lusso per tutti, ma i prezzi sono notevolmente scesi, senza contare il fatto che i proprietari, pur di sbarazzarsi delle ingombranti proprietà, sono disposti a concedere sconti importanti. Fra le isole che sarebbero state vendute ci sarebbe anche Oxia, un isolotto di circa 500 ettari che la famiglia greco-australiana Stamoulis avrebbe ceduto a un membro della famiglia reale del Qatar per cinque milioni di euro. Oxia si trova nel Mar Ionio a soli 38 chilometri da Itaca, l’isola di Ulisse.


Anche l’isola di Patroclo, di soli 260 ettari starebbe per essere venduta, ma la posizione strategica (70 chilometri vicino ad Atene) farebbero lievitare il prezzo a 150 milioni di euro. In questo caso i proprietari dell’isola, la famiglia Giatrakos, starebbero valutando l’affare di vendita per capire i margini della vendita considerato che l’isola è ricca di siti archeologici e che manca di una precisa pianificazione edilizia.

Con ogni probabilità sarà venduta anche un’altra celebre isola greca, Skorpios di proprietà di Athina Onassis, (figlia di Christina) nipote dell’armatore Aristotele il quale la acquistò nel 1963 per 15 milioni di dollari. Anche Athina vorrebbe vendere Skorpios, dove sono seppelliti la madre e il nonno, ma sembra che per farlo dovrà aggirare delle precise clausole contenute nel testamento di Onassis. D’altra parte  non è la prima volta che si vocifera della presunta vendita di Skorpios che nel 2010 sembrava essere stata venduta a Giorgio Armani che si affrettò a smentire la notizia.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta