Le 7 condizioni di Putin per la tregua in Ucraina

4 settembre 2014 10:560 commenti

Alla vigilia del vertice NATO, uno dei più tesi di tutti i tempi, Putin e il suo omologo ucraino Petro Poroshenko, si accordano per un cessate il fuoco ma il premier russo ribadisce le 7 condizioni necessarie per mantenere la tregua in Ucraina.

obama-usa

La crisi in Ucraina si avvia verso una soluzione politica o comunque il primo accordo tra Putin e Poroshenko ne getta le basi. Ad annunciare il cessate il fuoco ci pensa il leader ucraino ma in poco tempo arriva la conferma di Mosca che ribadisce di essere estranea al conflitto nel sud-est del Paese. Putin, inoltre, in visita in Mongolia, definisce 7 condizioni per il mantenimento della tregua con Kiev:

1. ritiro delle truppe ucraine dal sud-est
2. cessazione delle azioni militari dei ribelli,
3. pieno controllo internazionale del cessate il fuoco
4. esclusione dell’uso dell’aviazione contro i civili
5. scambio dei prigionieri
6. creazione di un corridoio umanitario
7. accesso diretto delle unità di ricostruzione alle infrastrutture sociali e di trasporto.


L’Ucraina dice no all’Unione Europea

A Newport, intanto, una sessantina di capi di Stato e di Governo fanno il punto sulla crisi europea prima di affrontare la questione mediorientale. Obama è molto duro con Putin e ribadisce la solidarietà all’Ucraina, insieme a Cameron.

La Russia, infatti, è intervenuta militarmente in Ucraina per sostenere i separatisti filorussi ed ha minato le fondamenta di uno Stato sovrano limitandone la scelta democratica. Gli Stati Uniti, insieme all’Inghilterra, propongono di rafforzare i mezzi a disposizione dell’Ucraina e di creare una presenza permanente nell’Europa orientale. La forza rapida militare che hanno in mente Cameron e Obama, dovrebbe essere costituita con il contributo di tutti i Paesi impegnati nell’alleanza. Per questo Cameron ricorda agli stati membri della NATO, Italia inclusa, che hanno firmato un impegno a destinare il 2% del PIL alle spese militari.






Tags:

Lascia una risposta