L’ultimo aggiornamento sul referendum in Scozia

18 settembre 2014 16:010 commenti

In queste ore gli scozzesi stanno votando per raggiungere l’indipendenza e il partito del “sì” è sostenuto non solo da una buona parte della popolazione ma anche da una serie di movimenti indipendentisti europei, per esempio quello della Catalogna o la stessa Lega Nord.

Referendum Scozia

Dalle sette di stamattina, in Scozia, si vota per l’indipendenza. In pratica gli elettori devono scegliere se il Regno resterà Unito o soltanto Regno. Il movimento indipendentista scozzese ha generato un effetto domino nei confronti di tutti gli altri movimenti autonomisti europei, da quello della Catalogna, a quello del Walles, fino anche al risveglio delle assopite rivendicazioni padane.

> Scozia, gli ultimi sondaggi danno vincente il “no”


L’ultimo sondaggio del mattino dava il partito del no in vantaggio, forse perché la Regina ha velatamente minacciato, nella pratica invitato a pensare bene, alla scelta di emanciparsi. Una scelta invisa alla maggior parte degli stati europei e soprattutto a quelli deboli come l’Italia che potrebbero doversi difendere da un contraccolpo dei mercati finanziari.

> L’indipendenza della Scozia come influisce sull’Italia?

La domanda del referendum è estremamente chiara: Siete d’accordo che la Scozia diventi una nazione indipendente? Dopo le 22 inizierà lo spoglio e i risultati dovrebbero essere pronti già domani mattina. Secondo il Guardian, le aree principali inizieranno a dare i risultati dalle 3 del mattino fino alle 7 quando dovrebbero arrivare alla centrale i dati di Aberdeen.

Gli indipendentisti di mezza Europa sono confluiti ad Edimburgo mettendosi a fare campagna per il Sì. Un cartello interessante è quello di David Aguilailr arrivato in Scozia dalla Catalogna. Recita: se sei per il sì, suona il clacson.






Tags:

Lascia una risposta