Marò Latorre, il rimpatrio è una questione di governo

8 settembre 2014 10:291 commento

Massimiliano Latorre, uno dei due marò ancora in stato d’arresto in India, è stato colpito da un’ischemia. Le sue condizioni di salute, adesso, sembrano migliorate e sono state firmate le dimissioni. I giudici ne approfittano per chiedere il rimpatrio.

maro_india

Massimiliano Latorre è stato colpito da un’ischemia mentre era in carcere e questo ha determinato il suo ricovero in un’ospedale di New Dheli. È esplosa la rabbia della figlia online ma presto si è saputo che le condizioni di salute del marò erano stabili. Ieri, Latorre è stato dimesso, lo hanno dichiarato delle fonti mediche dicendo che dovrà tornare in ospedale per dei controlli di routine.

Latorre, uno dei marò, ricoverato per un’ischemia a New Dheli


Latorre è rientrato nella residenza nell’ambasciata d’Italia in India. La Corte Suprema indiana, su richiesta dei legali del marò, lo ha esentato dall’obbligo di firma presso il commissariato di polizia. Una misura transitoria che durerà circa due settimane, il tempo stimato necessario per il miglioramento delle condizioni di salute del fuciliere italiano.

I legati di Latorre, però, hanno inoltrato un’istanza per il trasferimento in Italia del marò al fine di proseguire le cure mediche necessarie vicino alla famiglia. L’udienza è stata aggiornata al 12 settembre ma i giudici hanno chiesto al governo il parere sulla richiesta di ritorno a casa di Latorre. L’operazione dei legali era stata peraltro concordata con il ministro degli Esteri Pinotti che appena ottenuto l’incarico governativo, si era recata in India per proseguire l’attività diplomatica intessuta dalla Mogherini.

> Falsificato il verbale: i marò tentarono di coprire l’accaduto

La malattia di Latorre sembra aver aperto dato una nuova speranza alla vicenda dei marò, ma le autorità indiane, che remano nel senso contrario, hanno già trovato un nuovo spunto per rintuzzare le accuse a carico dei marò: la falsificazione del verbale.






Tags:

1 commento

  • gottardi alexander

    Ma cazzo io dico x chè nn.gli mandiamo indietro tutti quei cavoli di indiani che sono clandestini in italia poi vediamo anzi mandiamoli a casa tutti sti cazzo di indiani bangladesi ecc!!! O ci date i nostri soldati o tutti fuori dall italia poi vediamo .che cazzo di governo che a bbiamo !!!!!.

Lascia una risposta