Messaggio di Gheddafi ma la Casa Bianca esige i fatti non parole

Dopo avere ricevuto un messaggio da parte di Gheddafi la Casa Bianca risponde con un: “Si esigono fatti e non parole”.

Il leader libico chiede il ritiro degli aerei da combattimento statunitensi dalla Libia.

“Possiamo confermare che è stato trasmesso un comunicato, evidentemente non il primo “del leader libico”, ha reso noto ai giornalisti il portavoce del presidente Barack Obama, Jay Carney, a bordo dell’aereo Air Force One, che trasportava il presidente a Philadelphia (Pennsylvania, è) per un incontro mirato sull’economia.

Tuttavia, senza svelare il tenore del messaggio,  Carney ha ricordato che il presidente Obama garantisce, da settimane, che un “cessate il fuoco in Libia” dipenderà esclusivamente “dai fatti e non dalle parole, ossia lo stop alle violenze.” “Le parole non servono a nulla, occorre vedere qualcosa di concreto”. Ha aggiunto il portavoce.

L’agenzia ufficiale Jana ha annunciato, oggi, che il rais ha trasmesso un messaggio al presidente americano Barack Obama in cui lo invita a cessare le operazioni militari degli Stati Uniti sul territorio libico.

“Gli Stati Uniti è bene che lascino la coalizione colonialista, aggressiva e crociata contro la Libia”, detta il messaggio di Gheddafi e chiede al presidente Obama di porre fine ad “una guerra ingiusta contro la piccola popolazione di un paese in via di sviluppo”.

Lunedì scorso, l’esercito americano aveva ritirato gli aerei militari impiegati nella campagna internazionale in Libia. Per il momento, ha anche stabilito di non fornire altri aerei destinati ai rifornimenti in volo e alle missioni di sorveglianza.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *