Obama pronto ad autorizzare gli attacchi aerei in Siria

10 settembre 2014 15:060 commenti

Obama, poco prima del vertice Nato in Galles, ha scoperto di avere due grosse gatte da pelare: la Russia e l’Isis. Per quanto riguarda la questione Ucraina è stata definita una forza armata costante nell’Europa dell’Est. IRAQ VOTO L’Isis ha decapitato un freelance americano e dal quel momento in poi, con le continue minacce americane, è diventato urgente risolvere anche la questione dello Stato Islamico. Secondo un Alto funzionario dell’amministrazione americana, il Presidente Obama ha dichiarato di essere pronto ad autorizzare gli attacchi aerei contro il gruppo militante sunnita, l’Isis, lo Stato Islamico in Iraq e Siria.

L’Isis ha ucciso Sotloff dopo gli attacchi nel nord dell’Iraq

Obama, però, in questo momento, deve ancora risolvere delle questioni spinose. In primo luogo deve provvedere all’addestramento e all’equipaggiamento delle forze di terra per combattere contro l’Isis, deve comprendere come intervenire sul territorio senza spalleggiare Bashar al-Assad e infine deve trovare un sistema per diventare partner di paesi non interventisti rispetto all’Isis, come Turchia e Arabia Saudita.


> Quando Renzi si congratulò col premier iracheno

Obama farà un discorso alla nazione, già stasera, spiegano la sua strategia per indebolire e poi distruggere il gruppo terroristico. Secondo alcune persone vicine al Presidente, che già conoscono il suo piano, si tratterà di un’operazione militare di lungo periodo, più complessa nella gestione di quanto lo siano stati gli attacchi mirati che gli Stati Uniti hanno inferto ad Al Qaeda in Yemen, Pakistan e in altri territori interessati dal terrorismo. Obama riferisce che da tre anni a questa parte ha rinunciato ad armare i ribelli che si opponevano ad Assad per paura di scatenare una guerra civile in Siria e anche dopo che Assad ha usato e armi chimiche, il Presidente, nel Congresso, ha trovato una forte opposizione tanto da rinunciare alla strategia militare offensiva. Adesso, però l’Isis, con le sue operazioni violente, ha generato un cambiamento nel clima politico americano e nella sua volontà operativa.






Tags:

Lascia una risposta