Home / esteri / Omicidio Kyle dal film alla realtà: Routch condannato, American Sniper finisce male

Omicidio Kyle dal film alla realtà: Routch condannato, American Sniper finisce male

Eddie Ray Routh è stato oggi condannato all’ergastolo, e non alla pena di morte come avevano dichiarato alcuni giornali, per l’uccisione di Chris Kyle.  Quest’ultimo fu famoso in quanto cecchino dei Navy Seal, la cui autobiografia ispirò l’omonimo film diretto da Clint Eastwood.

La giuria durante il processo ha respinto la teoria della difesa, secondo la quale il 2 febbraio 2013, giorno dell’omicidio, Routh sparò contro Kyle e un suo amico mentre erano in un poligono di tiro, uccidendo sul colpo entrambi, poiché affetto da problemi di mente.

Questa teoria supportata dal banco dei testimoni è stata portata avanti anche dal medico, Mitchell Dunn, secondo cui quando Routh sparo ai due amici non agì sotto l’effetto di alcol o stupefacenti, ma piuttosto perché aveva seri problemi mentali. Routh infatti ha sofferto di disturbi dovuti allo stess-post-traumatico subito dopo la sua missione in Iraq e dopo un altra missione ad Haiti dopo c’era stato un terremoto devastante.

 

L’accusa ha invece portato avanti l’idea che Routh faceva ampiamente uso di stupefacenti e che abituato a bere quantità di alcol superiori alla norma. Kyle dopo essersi congedato si impegnava in attività di volontariato per aiutare vari veterani a riprendersi dagli stress dovuti alle guerre e alle sofferenze durante i combattimenti.

Kyle ha effettuato 4 missioni in Iraq ed era divenuto un nome noto poiché aveva ucciso circa 162 persone, al punto tale da guadagnarsi l’appellativo di “cecchino più micidiale” della storia moderna dell’esercito americano. Kyle stesso dopo aver lasciato la vita militare ebbe qualche problema per riadattarsi alla vita comune, ma che dopo aveva ampiamente superato.

In seguito all’uscita del film Navy Seal e al suo successo, l’uccisione di Kyle ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media. Specie quando fu chiamata la moglie di Kyte a testimoniare al processo. La donna, con commozione, raccontò gli ultimi momenti passati con il marito prima che lui andasse al poligono con Routh e dichiarò che ci fu un caloroso abbraccio e un bacio.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *