Showerbus, la soluzione che San Francisco propone per i clochard

18 settembre 2014 11:090 commenti

Migliorare la vita di chi ha scelto di vivere per strada o si ritrova in questa situazione non troppo piacevole. La concessione di pasti gratuiti e di un posto dove dormire non sembra sufficiente, è necessario anche occuparsi dell’igiene di clochard. Ecco la proposta di San Francisco.


In questo video molto interessante, i volontari e i responsabili dell’organizzazione senza scopo di lucro Lava Mae, con base a San Francisco, spiegano il loro progetto. Il punto di partenza è che si può trasportare i cibo tramite cabine con le ruote e se si possono rendere trasportabili i servizi igienici, si dovranno rendere mobili anche le docce.

Lava Mae, ha raccolto donazioni per 58 mila dollari e poi ha realizzato il primo shower-bus, vale a dire un doccia-bus riservato ai senza tetto. Tecnicamente si tratta di un vecchio autobus riconvertito con l’inserimento di docce e servizi igienici che va in giro per la città proponendo bagni caldi a chi vive per strada. L’igiene, infatti, è considerata il presupposto per un vita dignitosa e per cogliere alcune opportunità.

Un discorso ben diverso rispetto a quello fatto dall’assessorato al Welfare di Bologna che propone una tassa ai senzatetto per l’uso del dormitorio, una cifra simbolica che dovrebbe renderli maggiormente responsabilizzati sull’uso delle strutture e sulla loro vita in generale.

> Polemica per la tassa bolognese su senza tetto

Certo è che nemmeno all’associazione americana sono mancate le critiche: c’è chi ha sottolineato che siccome gli autobus sono stati costruiti soprattutto grazie alle donazioni di aziende come Google, non fanno altro che amplificare il divario crescente tra super ricchi e super poveri.






Tags:

Lascia una risposta