Home / esteri / Statua di Carla Bruni operaia fa infuriare i francesi

Statua di Carla Bruni operaia fa infuriare i francesi

Una statua di Carla Bruni in versione operaia è un’idea alquanto grottesca che ha fatto infuriare la Francia. La statua di bronzo, alta due metri dovrebbe essere inaugurata a maggio a Nogent-Sur-Marne e collocata proprio al centro di una delle piazze principali.

Promotore dell’iniziativa è stato il sindaco della città, Jacques J.P. Martin, guarda caso dell’UMP, il  partito di Sarkozy. E la statua diventa subito un caso anche considerando il costo: circa 80.000 euro, la metà dei quali dovranno essere sborsati dai contribuenti francesi. Oltre al danno anche la beffa: la statua, che dovrebbe essere realizzata da Elisabeth Cibot, andrebbe a rappresentare Carla in versione operaia. Secondo il sindaco di tratterebbe di un sentito omaggio alle dipendenti di un’antica “plumasserie”, la fabbrica in cui si lavoravano le piume, un tempo collocata a Nogent-Sur-Marne e dove lavoravano anche molte italiane.

E sembra che il sindaco abbia nascosto, al momento dell’approvazione dell’opera, che questa avrebbe avuto le sembianze di Carla Bruni.

L’opposizione comunale e avversari di Sarkozy insorgono e fanno anche notare non solo che l’inaugurazione è prevista nei giorni delle prossime elezioni presidenziali, ma anche che omaggiare le donne che hanno contribuito al rilancio dell’economia locale identificandole con una donna che non ha nulla a che fare con la città è molto discutibile.

Dello stesso avviso il socialista William Geib secondo cui “Carla Bruni ha visto più piume di struzzo alle sfilate di moda che nelle fabbriche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *