Svolta nel giallo del 24enne morto sull’Airbus per Dublino: ovuli di coca nello stomaco

80 ovuli di cocaina nello stomaco. E’ stata questa la macabra scoperta che gli inquirenti e i sanitari hanno effettuato sul corpo del ragazzo di 24 anni che è morto sul volo Lisbona Dublino non prima di aver seminato il panico tra gli altri passeggeri. La vicenda era sembrato decisamente strana agli inquirenti che erano intervenuti a bordo del volo costretto ad un atterraggio di emergenza sulla pista dell’aeroporto irlandese di Cork.

Il racconto degli altri passeggeri e del personale di volo ha subito messo in allarme le autorità. Quel ragazzo, infatti, prima di stramazzare a terra aveva letteralmente seminato il panico sull’aereo. Le testimonianze riferiscono di un giovane completamente fuori controllo che ha iniziato ad andare su e giù per il corridoio dell’Airbus, offendendo chiunque si trovasse sulla strada e arrivando addirittura a mordere un altro viaggiatore. Tutto questo si è svolto in pochi istanti prima che il ragazzo crollasse a terra.

Proprio questo stranissimo comportamento ha subito messo in allarme gli inquirenti e gli stessi medici saliti a bordo. Non c’è voluto tanto a scoprire che la morte di quel giovane è stata causata da complicazioni e incidenti di percorso durante il viaggio di quegli 80 ovuli di droga che il passeggero portava nel suo stomaco. Ma la storia non è finita qui perchè un altro viaggiatore, una donna, che guarda casa sedeva accanto al ragazzo, ha destato l’attenzione per il suo strano comportamento. La donna, infatti, ha iniziato ad agitarsi come se avesse qualcosa da nascondere. Non c’è voluto tanto per scoprire che quella signora viaggiava assieme al ragazzo e soprattutto che trasportava una enorme quantità di anfetamina. Per lei è immediatamente scattato l’arresto. Per la polizia irlandese, che ha lavorato di concerto con le autorità lusitane, quei due giovani erano corrieri della droga certamente al soldo di una organizzazione criminale che importa droga dal Portogallo all’Irlanda.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *