Tempesta mortale negli Stati Uniti

Almeno di 70 morti è il bilancio della tempesta devastatrice che sta scuotendo da alcuni giorni il Sud degli Stati Uniti. 

La zona maggiormente colpita è lo stato dell’Alabama, dove 45 persone hanno perso la vita. Il presidente americano Barack Obama ha ordinato, ieri sera, che il governo “agisca rapidamente” per portare soccorso a questo stato del sud del paese. 

Lo stato d’emergenza è stato decretato in Alabama, Arkansas, Kentucky, Mississippi, Missuri, Tennessee e in Oklahoma. Dove i  governatori di questi paesi hanno richiesto anche alla guardia nazionale di partecipare alle operazioni di soccorso. 

Il servizio di meteorologia nazionale aveva pubblicato un allarme che informava sul “rischio elevato” di tornado, grandinate e inondazioni improvvise, nel sud degli Stati Uniti, fino ai grandi laghi, al golfo del Messico e alla costa atlantica. 

In Arkansas i danni sono innumerevoli “alberi sradicati, tetti scoperchiati, mancanza di elettricità, case danneggiate e molte inondazioni sono in corso”, ha riferito un portavoce del ministero dell’Unità di crisi dello stato. 

Solo nella giornata di martedì, si sono registrati oltre 50 tornado, con forti precipitazioni fino a 45 cm. Centinaia di persone sono state evacuate nel Missuri in seguito ai danni subiti dalle dighe, in particolare quelle del fiume Black River nei pressi della cittadina Poplar Bluff. 

Le immagini trasmesse dalle televisioni mostrano le squadre di soccorso che sfidano i fiumi in piena per salvare le persone rimaste bloccate dalle acque. 

Queste intemperie giungono dopo l’inizio di una primavera molto piovosa ed un inverno segnato da elevate precipitazioni nevose, che hanno colmato i fiumi e saturato il suolo. 

Una breve tregua è attesa solo per giovedì o venerdì, prima dell’arrivo di una nuova ondata di maltempo, caratterizzato da nuove tempeste accompagnate da forti precipitazioni.  

Negli Stati Uniti i tornado seminano distruzione.

 

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *