Terremoto aggiornamenti: notte di calma in Grecia, oggi Lefkada è un’isola terrorizzata

Il terrore per le recenti scosse di terremoto è tanto ma in Grecia si prova a convivere con l’inevitabile sciame sismico che ha caratterizzato anche la donne che è appena trascorsa. La situazione più difficile è nella regione di Cefalonia e in particolare sull’isola di Lefkada i cui abitanti hanno dormito in strada oppure nelle tendopoli allestite dal governo. Lefkada è stata l’area più esposta all’evento sismico di ieri notte. Secondo un primo accertamento condotto dalle autorità, su quest’isola si sono registrati una serie di crolli completi che hanno coinvolto abitazioni datate ma ci sono stati anche danni parziali a case e strutture di nuova costruzione. Pesante anche il tributo in termini di vite umane che l’isola di Lefkada è stata costretta a pagare. Alle due donne morte ieri, infatti, si sono aggiunti almeno altre 4 persone che sono rimaste ferite. La causa delle ferite non è stata ancora accertata.

La scossa di terremoto che ha sconvolto quest’area della Grecia è stata avvertita distintamente anche in Italia e in modo particolare nella fascia compresa tra la Calabria catanzarese, il barese e, in basso, il Salento. In Italia, comunque, non sono stati segnalati a cose o a persone anche se la situazione continua ad essere sotto stretto monitoraggio per sondare l’eventuale rischio di scosso di assestamento.

Il forte coinvolgimento dell’isola di Lefkada nell’evento sismico non è affatto casuale. Gli esperti, infatti, hanno evidenziato che le tre forti scosse di terremoti che hanno sconvolto quella zona arrivando anche a far sentire gli effetti in Italia, si sono verificate a pochissimi chilometri dalla terraferma anche se, possibili effetti ancora peggiori su persone e strutture, sono state neutralizzate dall’enorme profondità di localizzazione dell’epicentro. La successione degli eventi sismici è stata impressionante con forti movimenti in un lasso di tempo breve seguito poi da una serie di scosse di assestamento molto contenute.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *