Terrorismo al Qaida bombe al veleno

13 agosto 2011 08:050 commenti

Al Qaida avrebbe iniziato a produrre delle bombe al veleno, lo hanno indicato alcuni rapporti segreti della Cia, il New York Times ha affermato che funzionari del Governo americano sarebbero venuti a conoscenza che militanti Jihadisti dello Yemen, hanno moltiplicato l’importazione di semi di Ricino, un componente base di un veleno altamente pericoloso.

I responsabili americani sono convinti che il ramo regionale di al-Qaida avente base nello Yemen, sta cercando di produrre del ricino al fine di utilizzarlo negli attentati terroristici contro gli Stati Uniti.

Citando alcuni rapporti segreti dell’informazione, il quotidiano americano, scrive che i militanti Jihadisti dello Yemen stanno compiendo notevoli sforzi per acquistare alti quantitativi di semi di ricino, il componente base del potente veleno. Cercherebbero quindi, di nascondere le loro scorte di semi con i relativi prodotti chimici implicati, in un luogo segreto della provincia di Shabwa, a sud del paese.

L’alto comando delle forze armate degli Stati Uniti è apertamente preoccupato del vuoto politico nello Yemen che permette ai combattenti di al-Qaida di poter agire liberamente con le loro attività in questo paese profondamente toccato dalla guerra civile, dopo una grave insurrezione popolare contro coloro che sono al potere.

Ieri, quattro presunti membri di al-Qaida sono stati uccisi dall’esercito vicino a Zinjibar, città in gran parte nelle mani dei militanti Jihadisti, secondo le autorità.

Secondo i documenti citati dal giornale, al-Qaida, nello Yemen, cercherebbe di produrre il veleno e di aggregarlo in piccole dosi agli esplosivi destinati a scoppiare in luoghi molto frequentati degli Stati Uniti, come i centri commerciali, aeroporti o stazioni metropolitane. L’inalazione del ricino è mortale anche solo in piccola quantità.

Il responsabile del centro terroristico, tuttavia, non ha alcuna informazione, quindi nessuna certezza sull’imminenza di tali attentati, aggiunge il giornale.

Ultimo aggiornamento 13  agosto 2011 ore 10,05

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta