Tragedia automobilismo muore Wheldon

17 ottobre 2011 09:330 commentiDi:

Tragedia nel mondo dell’automobilismo, ieri, a Las Vegas. Una gara molto pericolosa, per le prove particolarmente difficoltose, in una monoposto, disputate su impervi tracciati ovali.  

L’incidente mortale del quale è rimasto vittima Dan Wheldon, pilota britannico di 33 anni, vincitore della 500 miglia di Indianapolis per la seconda volta quest’anno, si e’ verificato, ieri, all’11° giro della Indy 300 a Las Vegas, un incidente che è all’ordine del giorno in questo campionato, la cui stagione finisce spesso in modo tragico. 

Nonostante tutte le tecnologie avanzate che hanno permesso negli anni, di migliorare la sicurezza, i piloti rischiano la loro vita in qualsiasi momento. C’è sempre un limite a ciò che il corpo umano può sopportare. 


E’ ormai risaputo che IndyCar vive da tempo sul “Chi va là” e l’inevitabile… non è stato evitato. Fin dalle prime prove di giovedì, il destino sembrava scritto, era spaventoso vedere i rivali infilarsi a tre in un anello di gara ad oltre 200 km all’ora.  

E a quella velocità Wheldon si è schiantato contro i muri di cemento che delimitano il percorso, dove le scappatoie sono praticamente inesistenti, nessun margine di manovra è concesso ai piloti quando ci si trova davanti a tali ostacoli. 

Il giovane britannico, recente vincitore delle 500 miglia di Indianapolis, nel mese di maggio, non ha avuto alcuna possibilità di salvarsi.  

La sua monoposto è stata polverizzata dovo avere colpito la parete di protezione alla pazza velocità. 

Trasportato incosciente da un elicottero all’ospedale di Las Vegas, Wheldon è deceduto quasi all’istante. La gara è stata interrotta. 

Sono spiacente di annunciarvi che Dan Wheldon non è sopravvissuto alle ferite„, ha annunciato il presidente della IndyCar, Randy Bernard, aggiungendo “I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alla sua famiglia. Abbiamo deciso di sospendere la prova”.   

Tutti i piloti hanno voluto effettuare cinque giri sul circuito per onorare la memoria del pilota scomparso. 

Ultimo aggiornamento 17 ottobre 2011 ore 11,33






Tags:

Lascia una risposta