Home / esteri / Xinjiang: blitz contro presunti jihadisti e un terrorista si consegna

Xinjiang: blitz contro presunti jihadisti e un terrorista si consegna

Massiccia operazione da parte della autorità di Pechino nella remota regione dello Xinjiang dove da anni esercito e polizia cinese sono alle prese con il terrorismo di gruppi islamisti. Nel corso degli ultimi mesi gli episodi di violenza in questa regione della Cina sono stati tanti ma le autorità centrali e quelle regionali hanno sempre reagito con forza e fermezza cercando di contenere il fenomeno e evitando che questo fenomeno potesse degenerare magari andando ad attecchire anche al di fuori dei suoi confini naturali.

E’ in quest’ottica repressiva che va inquadrato il lungo blitz che esercito e polizia hanno messo a segno nella regione con perquisizioni e rastrellamenti casa per casa nel tentativo di fare terra bruciata attorno a un gruppo che è fortemente sospettato di essere l’autore della mattanza di inizio settembre nel corso della quale furono barbaramente uccise 15 persone.

I dettagli dell’operazione che è stata messa a segno dai corpi speciali di Pechino non sono stati resi noti mentre è stato reso noto quello che è il bilancio dell’operazione. Un membro di peso dell’operazione islamista si è arreso e spontaneamente consegnato ai militari, mentre 28 jihadisti sono rimasti uccisi. Un comunicato pubblicato dal dipartimento di Xinjiang, inoltre, ha reso noto che ci sarebbero 18 terroristi feriti. Nessun militare sarebbe rimasto ucciso nel corso di quello che è stato un vero e proprio assalto con tanto di assedio. Un’intera area dello Xinjiang è stata posta in assedio via terra e aria. Impegnati centinaia di militari coadiuvati da elicotteri e mezzi pesanti. I frutti del blitz si sono fatti vedere anche se ci sono voluti oltre 50 giorni per stanare dai loro covi i terroristi. La Cina è inflessibile con i jihadisti di una regione abitata in prevalenza da musulmani ma al tempo stesso, Pechino, cerca anche di avere dialogo e collaborazione con gli islamici non arruolati in questi gruppi.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *