Coppie lesbiche: tre genitori gay per un bambino

15 marzo 2012 14:300 commenti

Nei paesi del nord dove la mentalità è diversa e generalmente considerata più evoluta, le unioni gay e l’adozione o il concepimento tramite donazione di sperma nel caso di coppie lesbiche è ormai un fatto naturale e previsto dalla legislazione anche con accordi scritti prima del concepimento.

Ma il caso discusso alla corte d’appello di Londra farà certamente discutere, non sull’opportunità o meno del concepimento di bambini per le lesbiche ma su alcuni risvolti che questo tipo di accordi possono produrre. Soprattutto perché più che mai in Gran Bretagna i precedenti legali diventano legge e ora per cambiare la situazione decisa da un giudice dovrà, se lo riterrà opportuno, intervenire il Parlamento, e il tema sarà molto dibattuto anche dall’opinione pubblica.


In Inghilterra si può legalmente, per una coppia lesbica, ottenere dello sperma e concepire un figlio, con la definizione legale di madre naturale per la donna che accoglie nell’utero il feto, e di assistente al concepimento per la sua compagna.

Ma questa volta, il donatore di sperma, un uomo gay inglese, ha deciso di fare ricorso alla magistratura per riconoscerne il ruolo nella sua educazione, seppur aveva già firmato un accordo pre-concepimento che prevedeva per il donatore di sperma l’impossibilita di rivendicare qualsiasi diritto futuro. Successivamente l’uomo ha cambiato idea e ha deciso di portare la coppia in tribunale. E la sentenza dei giudici è stata favorevole all’uomo, stabilendo che ogni membro dell’insolita famiglia ha un ruolo da assolvere nella crescita e l’educazione del bambino. Quindi tutti e tre i “genitori” hanno stessi diritti e doveri.

Naturalmente questo non significherà che l’uomo potrà vivere con la coppia, ma semplicemente che potrà rivendicare il suo diritto a trascorrere del tempo con il suo figlio naturale.






Tags:

Lascia una risposta