Serra di marijuana in fiamme per una lampada malfunzionante

28 dicembre 2011 10:270 commenti

La creatività non ha confini, lo sa bene il proprietario di un appartamento romano che utilizzava una comune lampada alogena da scrivania per scaldare una serra di marijuana all’interno di una stanza provocando un incendio. Il rogo si è sviluppato all’interno di un complesso residenziale al Largo Olgiata, a Roma e i vigili del fuoco hanno dovuto entrare dalla finestra per evitare la propagazione delle fiamme alle prime luci dell’alba perché era stato segnalato un incendio al piano terra.

Una volta spento l’incendio i poliziotti hanno cercato di capire quali potessero essere le cause e si sono trovati davanti la piantagione distrutta dalle fiamme e tutto il necessario per la coltivazione fai da te. Gli esperti hanno trovato in due barattoli circa 300 grammi di droga, semi, irrigatori, kit per la misurazione del PH dell’acqua da utilizzare durante il processo di fertilizzazione e diversi manuali che spiegavano come coltivare la pianta incriminata, anche se la maggior parte del “raccolto” è stato distrutto dalle fiamme.

La polizia dopo aver individuato il proprietario dell’abitazione l’ha denunciato per coltivazione, produzione e detenzione di sostanze stupefacenti.  La vicenda però non ha poi tanto dell’incredibile, infatti pochi giorni prima si era verificato un caso simile a Spinaceto dove un ragazzo di 17 anni sfruttando un’intercapedine del palazzo, aveva costruito una serra per coltivare 12 piante di marijuana di grande dimensioni che venivano scaldate mediante due grosse lampade collegate abusivamente all’impianto elettrico del condominio.

Tags:

Lascia una risposta