Shakespeare fumava erba e cocainomane

29 giugno 2011 11:320 commenti

Secondo un gruppo di ricercatori sud-africani Shakespeare fumava erba ed era cocainomane

Al fine di poterne dare le prove, gli scienziati hanno presentato alla Chiesa d’Inghilterra una richiesta per poter riesumare il corpo del poeta. 

In questi ultimi secoli, molteplici teorie differenti e sconosciute sono circolate sul conto di William Shakespeare.  Ma quella che è stata riproposta, oggi, dagli studiosi sud-africani è realmente la più singolare: secondo loro, l’autore di “Giulietta e Romeo” fumava erba ed era un cocainomane. 


I ricercatori dell’Istituto per l’evoluzione umana di Johannesburg, per avanzare la loro teoria, attendono ora l’autorizzazione della Chiesa inglese, affinché il corpo del grande poeta possa essere dissotterrato dalla sua tomba a Stratford.  

Ciò permetterebbe anche di determinare la causa della sua morte. 

Gli scienziati affermano di avere trovato “tracce di cannabis e di cocaina” nelle diverse condutture dell’abitazione di Shakespeare. 

Tale scoperta, se dovesse essere confermata, potrebbe mettere in discussione un’altra storica “verità”, ossia che la cocaina sia arrivata in Inghilterra soltanto nel XIX secolo.

 

Ultimo aggiornamento 29 giugno 2011 ore 13,30






Tags:

Lascia una risposta