Home / Fatti curiosi della vita / Undicenne proprietario di 9 palazzi

Undicenne proprietario di 9 palazzi

Ilham AliyevIl presidente dell’Azerbaijan, Ilham Aliyev, è rimasto alquanto imbarazzato ieri, nel momento in cui gli è stato riferito che nove residenze di lusso a Dubai, del valore di milioni di euro, sono state acquistate a nome di suo figlio di soli 11 anni.

Le proprietà sul lungomare, situate nella esclusiva zona d’elite di Palm Jumeirahdi, sono state registrate a nome del signor Heydar Aliyev, il figlio undicenne del presidente Aliyev.

Il giornale “The Washington Post” ha riferito che gli immobili sono stati acquistati durante uno shopping l’anno scorso, per circa 44 milioni dollari, 10.000 volte il salario medio annuo di un lavoratore in Azerbaigian.

Anche le figlie del presidente, Leyla e Arzu, risultano proprietarie di immobili a Dubai, il valore totale dei loro possedimenti infantili, risulta essere di 75 milioni.

Lo stipendio ufficiale del Presidente dell’Azerbaigian è di circa 228.000 dollari l’anno.

Dubai potrebbe avere perso il suo splendore durante l’era della crisi economica, ma le ville sul Palm, non hanno affatto calato le loro quotazioni, che risultano essere sempre molto elevate.

Le residenze appartengono soprattutto a personaggi famosi, ad esempio a David Beckham, Brad Pitt, Angelina Jolie o Simon Cowell.

Un portavoce presso l’amministrazione presidenziale di Baku ha rifiutato di discutere sulle affermazioni di ieri, quando sono stati contattati dal The Times.

Pare che si stia facendo luce su presunti casi di corruzione nella ex unione sovietica, indagini che si basano sui ricavi di enormi riserve di petrolio e di gas del Mar Caspio.

L’Azerbaigian è stata dominata dalla dinastia Aliyev per decenni. Il padre del presidente Aliyev, anche lui di nome Heydar, è stato alla presidenza di questo stato dal 1993 al 2003, quando si ammalò gli succedette alla carica presidenziale suo figlio Ilham.

Ilham Aliyev è inoltre il vicepresidente della Socar, la compagnia petrolifera di stato.

L’Azerbaigian è in piena espansione grazie ai proventi del petrolio, 7 miliardi di dollari solo l’anno scorso, ma la maggior parte dei suoi otto milioni di cittadini, versano in dure condizioni di povertà. Il Dipartimento di Stato americano ha condannato la “corruzione dilagante” in una relazione dello scorso anno, criticando il regime che viola i diritti umani.

 

Loading...