Belen Rodriguez scatti hot per il fotografo della dive -foto-

3 luglio 2012 10:300 commenti

La guerra delle copertine fra Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis era stata annunciata: per adesso è uscito in edicola il nuovo numero di GQ, protagonista Belen. Non stupisce tanto l’ennesima cover conquistata dalla prezzemolina Belen, quanto il fatto che a realizzare gli scatti sia stato il fotografo delle star, Douglas Kirkland, che ha immortalato, tra le altre, dive del calibro di Marilyn Monroe e Audrey Hepburn.

Verrebbe da chiedersi perché il fotografo, alla veneranda età di 78 anni, si sia concentrato sull’onnipresente Belen. Il paragone Belen-Marilyn è alquanto azzardato. Sulla rivista, oltre agli scatti, naturalmente sexy, e quasi artefatti, da vera diva, è presente anche un editoriale, Fenomenologia di Belén, firmato dal direttore della rivista Gabriele Romagnoli, che racconta lo shooting nella villa hollywoodiana del fotografo statunitense.

BELEN RODRIGUEZ SEXY PER JADEA

Lui dice di aver colto attraverso l’obiettivo qualcosa di più in Belen, rispetto alla conclamata bomba sexy e ha detto di aver visto “una bellissima bambina”. Belen, d’altra parte, deve continuare a giocare con il suo personaggio ed eccola allora che ha proposito degli scatti ha dichiarato “Non voglio apparire sorridente, voglio essere una stronza sexy”. Senza dubbio Balen sarà stata oggetto di epiteti del genere (soprattutto da parte dei fan di Emma) e negli scatti sfoggia un’aria imbronciata, quasi torva per mostrare il fisico statuario e la sua aria di provocatrice.

Ovviamente non perde poi occasione di alimentare la sua fama di bomba sexy parlando di sesso, amore e carriera. Belen sostiene che sia il sesso a determinare l’amore e non viceversa. Evidentemente con Stefano De Martino il sesso deve funzionare alla grande visto che ha dichiarato di essersi subito innamorata. E a questo punto è pronta a fidanzarsi anche per quattro anni di seguito. Tra l’altro con Stefano, Belen si sente benissimo: lui è giovane e la fa sempre divertire.

Tags:

Lascia una risposta