I VIP che prima del successo erano barboni

8 agosto 2013 10:080 commenti

halle berry

Il mondo dello spettacolo è un mondo difficile. Non ci si entra facilmente, anche quando si ha il talento per diventare delle vere e proprie star. 

Soprattutto oltre oceano, dove le regole dello showbiz sono davvero dure, a più di un attuale VIP è capitato di dover soffrire parecchio prima di essere apprezzato – e pagato – per la propria arte. Ed è così che sono ben 13 i VIP che, prima di raggiungere il successo, hanno dovuto vivere come dei senzatetto, arrangiandosi a dormire nei rifugi o per strada prima di approdare al primo vero incarico.

In questa lista ci sono vip di oggi, come Hale Berry, che, arrivata a New York per fare l’attrice, nel 1989 ha vissuto in un rifugio per senzatetto dopo che aveva finito i suoi soldi e non aveva ancora ricevuto il primo incarico, ma anche vip di ieri, come il padre fondatore Ben Franklin che scappò dalla sua casa di Boston all’età di 17 anni, per vivere di espedienti fino a che fu preso in custodia dalla famiglia della sua futura moglie.

Ben Franklin

Nel mezzo di questi due estremi ci sono tanti altri vip: c’è Jim Carey, che ha abbandonato la scuola per per aiutare la famiglia in un momento difficile, e iniziare a fare il bidello mentre viveva con la famiglia in furgone VW; c’è Tyler Perry, che investì tutto nel suo primo spettacolo teatrale che fu visto da sole 30 persone (ora ai suoi spettacoli ne vanno almeno 35 mila), e c’è anche Sylvester Stallone che ha vissuto in una stazione di autobus di New York per tre settimane dopo essere stato sfrattato dal suo appartamento. 

Sylvester Stallone

La lista dei 13 VIP che, prima di diventare famosi, hanno vissuto come dei senzatetto, include anche Cary Grant, abbandonato dal padre a 10 anni mentre la madre era già rinchiusa in un ospedale psichiatrico, David Letterman, che ha vissuto a lungo nel suo camioncino rosso, il Col. Harland Sanders (quello del Kentucky Fried Chicken), Daniel CraigJim CramerShania TwainKelly ClarksonLil ‘Kim.

 

Tags:

Lascia una risposta