Kristen Stewart depressa dopo aver tradito Robert Pattinson

6 agosto 2012 10:050 commenti

Kristen Stewart depressa dopo aver tradito Robert Pattison? Sembrerebbe proprio di sì. Pare infatti che la giovane attrice statunitense, 22 anni, stia attraversando un brutto periodo dopo la pubblicazione delle foto della scappatella con il quarantenne Rupers Sanders, regista del film Biancaneve e il cacciatore, sposato con Liberty Ross e padre di due bambini.

Una fonte vicina a Kristen ha riferito che l’attrice sarebbe depressa dopo la rottura con Robert Pattinson: non si lava i capelli da giorni, piange in continuazione, non si cambia gli abiti ed è “mortificatissima”.

L’attrice ha sempre pensato che Robert fosse la sua anima gemella e non riesce a perdonarsi di aver mandato tutto a monte per un capriccio momentaneo. I due giovani attori erano legati dal 2008: galeotto fu il set di Twilight. Da quel momento in poi si sono rincorse in continuazione le voci di una relazione fra i due attori anche fuori dal set, ma la conferma della loro storia è arrivata solo lo scorso anno e in modo non troppo ufficiale dato che i due attori sono molto riservati.


Adesso invece sono finiti di nuovo nel polverone mediatico: dopo aver scoperto il tradimento di Kristen, Pattinson ha lasciato la casa di Los Angeles con cui conviveva con l’attrice e ha preteso da lei delle scuse pubbliche che però non ha accettato. Intanto sembra anche che Pattinson abbia vietato alla ex compagna di partecipare alla premiere neyworkese di Cosmopolis, il suo ultimo film girato con David Cronenberg e presentato al Festival di Cannes 2012.

KRISTEN STEWART CRITICATA IN USA PER LA SVOLTA SEXY

Pattinson vuole evitare a tutti i costi ogni tentativo di riavvicinamento della sua ex. Ora Kristen, lanciatissima sotto il profilo professionale, dovrà anche fare attenzione alla fans inferocite di Robert Pattinson: si sa il pubblico è vendicativo e potrebbe esserlo ancor di più nei confronti della pellicole interpretate proprio da Kristen Stewart, rea di aver fatto soffrire il sensibilissimo Robert.






Tags:

Lascia una risposta