Maria De Filippi in tribunale per aver rubato l’idea di Amici

22 novembre 2012 13:530 commentiDi:

Sono più di dieci anni che Maria De Filippi conduce, con un impareggiato successo, il talent show Amici di maria De Filippi, un programma che, grazie alle continue evoluzioni per andare incontro al cambiamento dei gusti dei telespettatori, riesce a tenere incollati alla televisioni decine di migliaia di persone.

Un successo che , però, forse non è dovuto solo alla bravura della sua ideatrice/conduttrice. Stando a quanto riporta Il fatto Quotidiano, infatti, l’idea di una scola dove giovani talenti potessero formarsi in una gara ad eliminazione è di un’altra persona: si tratta di Roberto Quagliano, proprietario della Kamel s.r.l.

► Maria De Filippi, benzinaia mancata


La Kamel aveva già sperimentato un programma reality e poi, siamo nel ’98, propone a Gori La Scuola in diretta: una gara fra dieci alunni che si esibiscono e vengono giudicati dal pubblico. Ricorda Quagliano: “Dopo aver realizzato la serie nelle scuole, che raggiunse ascolti superiori al 13 per cento di share, rimasi in contatto con il dirigente di massimo livello delle reti Mediaset, Giorgio Gori, con il reciproco intento di riprendere la serie nelle scuole per svilupparla nella direzione, che proprio allora si stava affermando all’estero, del reality show.

Maria De Filippi difende i giovani italiani

Quagliano ha citato in tribunale Giorgio Gori, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi (come titolari della Fascino s.r.l., la società che detiene i diritti di Amici). Alle prime due udienze nessuno degli accusati si è presentato, ma è molto probabile che alla prossima ci sarà maria De Filippi che testimonierà sulla sua versione dei fatti.






Tags:

Lascia una risposta