Novella 2000 svela il motivo della rottura fra Alessia Marcuzzi e Francesco Facchinetti

12 ottobre 2012 10:430 commenti

È arrivata come un fulmine a ciel sereno la comunicazione ufficiale, via Twitter, della separazione fra Alessia Marcuzzi e Francesco Facchinetti e al momento restano avvolte nel mistero le vere ragioni che hanno portato alla rottura. Novella 2000 svela però quella che potrebbe essere definita come l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso, il litigio che ha portato alla rottura definitiva della coppia.

Sembra che la Marcuzzi volesse un po’ di tempo per riflettere e che Facchinetti continuasse a cercarla: l’ultimo incontro sarebbe avvenuto nei corridoi Mediaset, dove, a fine settembre, si discuteva della conduzione del reality “La scimmia”. Facchinetti spinge affinché Alessia conduca il nuovo reality La Scimmia, ideato da Pietro Valsecchi con cui Francesco collabora abitualmente.

La Marcuzzi però non è convinta e dopo la prima riunione se ne va dopo soli 15 minuti, bloccando gli autori e spiegando che non si tratta del tipo di programma adatto per lei. Forse la Marcuzzi avrà avuto voglia di cambiare un po’ considerando i flop delle ultime edizioni del Grande Fratello, ma a quel punto sembra che abbia guardato Facchinetti e poi abbia lasciato la stanza. Secondo Novella 2000 la riunione si sarebbe tenuta il 26 settembre e solo pochi giorni fa sarebbe stata annunciata la separazione.

ALESSIA MARCUZZI E FRANCESCO FACCHINETTI SI SONO LASCIATI

Insomma non sembra essere così lontana l’ipotesi che la presenza di Francesco nelle scelte professionali di Alessia potesse essere ingombrante. O magari si è trattato solo dell’ennesimo litigio che ha dimostrato come i rapporti fra la coppia si fossero completamente deteriorati.La notizia della rottura in realtà incombeva sulla coppia fin da prima dell’estate: in molti avevano vociferato dell’imminente rottura, ma la coppia aveva sempre cercato di mantenere un certo riserbo scacciando le voci della rottura e tentando di salvare il loro rapporto. 

 

 

 

 

 

Tags:

Lascia una risposta