Home / infanzia / Educazione sessuale. Il primo rapporto

Educazione sessuale. Il primo rapporto

Come si fa l’amore? Come si determina l’orientamento sessuale? Sono normale? Nell’età adolescenziale le domande assalgono, come i cambiamenti fisici legati alla pubertà: mestruazioni, lo spuntare dei primi peli, lo sviluppo dei seni, la trasformazione della voce. E che dire di questi ormoni che assalgono il loro spirito di nuovi desideri?

L’intimità della prima relazione

L’attività sessuale umana è molto complessa e le spiegazioni su questo argomento, sono a volte molto delicate da illustrare. Affinché la prima volta resti un ricordo memorabile è bene ricordare che occorre una minima preparazione.

Dunque, è normale provare apprensione prima di compiere un atto un po’ misterioso, dove, anche una seconda persona conoscerà la vostra intimità, sulla quale si punta molto per la propria felicità e l’equilibrio della propria vita. Così, per rassicurarsi, un minimo di preparazione è necessaria affinché le condizioni siano favorevoli: provare una grande attrazione per qualcuno, non impedisce di avere un rapporto sessuale sotto i pini, sulla spiaggia deserta, in un’auto o sotto le stelle lucenti, ma senz’altro un letto comodo e una camera tranquilla è più rassicurante.

Molti adulti hanno un meraviglioso ricordo del loro primo approccio sessuale: dopo una camminata mano nella mano, le carezze, i baci coinvolgenti. Occorre avere la volontà di vivere poco alla voltà la sessualità, alimentandola e arricchendola gradualmente, poi il rapporto sarà il completamento della ricerca personale. Quanto al piacere, la conoscenza delle proprie capacità non è indispensabile, ma aiuta a sentirsi più in confidenza col partner. La masturbazione per molti è un’occasione di apprendimento.

Con la prima relazione, ci si lancia nell’ignotoe non si sa cosa comporterà. A volte è perfetto, a volte medio, a volte è deludente.

Consigli pratici

Non precipitatevi: le sessioni amorose, quali i baci e le  carezze, la scoperta di un corpo diverso (del partner),  saranno una buona partenza, faranno vivere l’eccitazione sessuale a entrambi i partner, scegliete insieme il momento, il luogo, non abbiate timore di parlare della contraccezione, del rischio di malattie sessualmente trasmissibili  e utilizzate il preservativo.

Per l’uomo l’eccitazione è a volte così importante che l’eiaculazione sarà rapida, a volte ancor prima della penetrazione vaginale. Per la donna, invece, si pone la questione dell’imene: questa piccola membrana che chiude parzialmente la vagina: è già lacerata dagli assorbenti igienici interni? L’imene è flessibile e dunque non si strapperà? O si strapperà causando  dolore e sanguinamento?

Il primo rapporto sessuale

Dopo le carezze e i baci, quando entrami i corpi ( dell’uomo e della donna) sono stimolati (il pene eretto e la vagina è lubrificata) l’uomo penetra delicatamente la donna, quindi dopo naturali movimenti potrà prodursi l’eiaculazione. Per la donna, invece,  è spesso un momento di totalità, ma il piacere raggiunge raramente vette importanti.

E dopo?

Il tutto non finisce qua ma inizia. Dunque il seguito sarà quello di creare, inventare, costruire. La prima volta si possono avere incontrato problemi di dolori, di angosce, di controllo dell’eiaculazione, che occorrerà in seguito risolvere. Ma si può anche essere felici di avere superato questa fase e di essere giunti nel mondo magico in cui l’adolescente aspirava.