Il bambino e la montagna di regali

13 dicembre 2011 10:380 commenti

Immaginate un adulto come reagirebbe di fronte ad una montagna di regali da scartare, da esaminare e dal dover prendere in considerazione la giusta risposta di fronte a tutto ciò.

Davanti a tutto questo, i bambini possono sentirsi sopraffatti e a non riuscire ad incanalare le loro sensazioni. Ma i genitori possono attenuare il loro stress, limitando il numero dei doni con i quali poterli fare gdivertire. 

Come piccoli scienziati, i bambini amano giocare  procedendo a piccole tappe, piccole prove e ad osservarne i risultati. La chiave di un gioco costruttivo consiste nel permettere al bambino di focalizzare la propria attenzione su una cosa e limitare l’opportunità di lasciarla vagare. 

I bambini non sono in grado di realizzare quanti regali hanno ricevuto e non possono neppure ricordarsi della persona che glieli ha offerti. 

Nel momento di aprire i pacchi regalo potreste procedere nel seguente modo: 


  • Lasciate che il piccolo scarti, lentamente, un regalo alla volta e fategli osservare il nuovo giocattolo: che prenda tutto il tempo che gli occorre per scoprirlo.
  • Aprite i vostri regali davanti a lui e fate in modo che il bambino assista alle vostre espressioni.
  • Analizzate qual’è il giocattolo che suscita il suo maggiore interesse e aiutatelo a divertirsi, giocando con lui con questo oggetto particolare.
  • Non siate delusi se non reagisce come avreste sperato. Molto spesso i più piccoli rimangono incantati soprattutto dalla carta e dai cartoni dell’imballaggio piuttosto che dal regalo in se stesso.
  • Scegliete i 3 giocattoli sui quali ha maggiormente concentrato la sua curiosità. Sistemate gli altri regali in un armadio, al di fuori della sua visuale per un altro momento. Conoscendo il temperamento del vostro bambino vi permetterà di stabilire quale giocattolo offrirgli in una determinata situazione: libri, puzzle, bambole o giochi di azione.

Articolo correlato: Troppi regali a Natale 

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2011 ore 11,38






Tags:

Lascia una risposta