Stati Uniti polemiche per vendita bambole sboccate

22 novembre 2011 11:030 commenti

Un trio di bambole parlanti, destinate ai soli bambini, ha causato non poche polemiche negli Stati Uniti, a causa del loro linguaggio altamente sboccato. 

E’ l’ultima creazione per i regali di Natale lanciata da ‘Toy ‘R’ Us’, una bambola dalla bocca non proprio di rosa. Il colosso americano nella vendita di giocattoli ha creato una terzina di bambole, chiamata ‘You&Me Interactive Play&Giggle Triplet Dolls’ le quali, invece di emettere vagiti o di pronunciare la parola ‘mamma’, rispondono con ‘You Crazy Bitch’, più o meno l’equivalente di ‘brutta stronza’. 


Le bambole si presentano bene, sono molto graziose e ridono come i bambini veri, ma i genitori, e a buon ragione, non concepiscono quella scioltezza di linguaggio così volgare. 

La “You&Me Interactive Play&Giggle Triplet Dolls” viene raccomandata per bambini dai tre anni in poi, venduta in Canada e negli Stati Uniti, ma anche sui siti e-commerce, come Amazon. 

Il nuovo trio di bambolotti ha mandato su tutte le furie numerosi genitori che ne hanno chiesto l’immediato ritiro dal mercato. 

Da parte sua, la direzione di ‘Toy ‘R’ Us’ ha ribadito che non intende affatto ritirare questo gioco dagli scaffali. “Non abbiamo ricevuto lamentele tali da giustificare una simile azione. Le frasi pronunciate dalle bambole sono solo dei suoni infantili”. Ha concluso.

Articolo correlato: Arrivata anche in Italia la bambola con la sindrome di Down

Ultimo aggiornamento 22 novembre 2011 ore 12,04






Tags:

Lascia una risposta