Home / Lavoro / Concorso scuola: bando sta uscendo, ultime notizie sulle novità presenti nelle prove

Concorso scuola: bando sta uscendo, ultime notizie sulle novità presenti nelle prove

La pubblicazione del bando per il concorso scuola 2016 sembra essere tornata una questione di giorni. Fonti del governo, infatti, hanno reso noto che i 3 bandi saranno diffusi entro la prossima settimana. Ancora una volta, quindi, non sembra esserci una data precisa per un appuntamento che viene rimandato da settimane per non dire da mesi ma l’impressione è che si sia arrivati davvero a una svolta anche perchè l’annuncio dell’imminente pubblicazione del bando per il nuovo concorso docenti è stato dato al termine di un importante incontro che si è tenuto presso il Ministero. Sempre nel corso dell’incontro, infatti, sarebbe stata avanzata l’ipotesi che la data di avvio delle iscrizioni al concorsone possa essere il 29 febbraio, l’ultimo giorno del mese in corso.

Il fatto che le iscrizioni siano slittate poichè a slittare è stato il bando di selezione non dovrebbe però andare ad avere ripercussioni negative su quello che sarebbe il calendario di massima del concorso docenti. Restano quindi confermate le date, indicative, di prova scritta, prova orale e entrata in servizio. Nel dettaglio con gli scritti si dovrebbe partire dalla fine del mese di marzo, con gli orali si dovrebbe chiudere già a luglio e a settembre tutti in servizio.

Questo piano di massima è stato però già contestato e definito utopostico e irrealizzabile da numerose organizzazioni sindacali e di categoria per le quali il governo starebbe facendo solo propaganda e nulla di più, rivelando anche una conoscenza molto approssimativa delle dinamiche proprie del mondo della scuola.

Nel corso della riunione che si è tenuta nel Ministero sono stati sciolti anche alcuni dubbi in merito ai contenuti della prova  scritta. I tecnici del Miur hanno così stabilito che le domande in lingua straniera non sarebbero più a risposta aperta ma bensì a crocette e questo per ridurre il peso sull’economia del concorso della lingua straniere. Due altre le decisioni della riunione presso il Miur: gli anni di esperienza pregressa nel mondo della scuola daranno vita a un maggiore punteggio e il peso del nozionismo sarà ridotto a vantaggio delle competenze psico-pedagogiche e didattiche indicate nelle Avvertenza Generali.

Loading...