Sindacati trovano intesa sul lavoro

13 gennaio 2012 14:590 commenti

Dopo una riunione i principali esponenti di Cgil, Cisl e Uil hanno raggiunto un accordo con il quale presentarsi al confronto con il Governo Monti per quanto riguarda la riforma del mercato del lavoro. Raffaele Bonanni, segretario nazionale Cisl, afferma che dopo la loro discussione accederanno al dibattito con delle proposte concrete, infatti sperano di trovare riscontri positivi anche da parte del Governo visto che il tema trattato è di primaria importanza in un momento così difficile per l’Italia.


Della stessa opinione pare essere anche Luigi Angeletti, segretario generale della Uil, che si auspica una conclusione positiva del dibattito facendo riferimento all’intesa raggiunta con gli altri leader sindacali. Angeletti si augura che il Governo possa fare un percorso coerente, tenendo conto delle intenzioni dichiarate a mezzo stampa in questi giorni, perché sarebbe spiacevole scoprire che l’unica cosa fatta per salvare il mercato del lavoro sono i tagli alle pensioni.

Secondo Bonanni il tema dell’articolo 18 non dovrebbe nemmeno essere trattato durante il prossimo confronto, dal momento che non è da considerarsi un problema prioritario in questo momento, perché altrimenti si rischierebbe il blackout tra esecutivo e sindacati. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, spiega che oltre alle nuove riforme sul lavoro bisognerà parlare anche di crescita e sviluppo, per cercare di ridurre il più possibile la disoccupazione giovanile. Martedì 17 gennaio le segreterie dei tre sindacati si riuniranno per discutere i diversi capitoli, sperando che il Governo non voglia far fallire la trattativa prima di cominciare.






Tags:

Lascia una risposta