Home / Lavoro / Somministrazione lavoro

Somministrazione lavoro

agenzia di somministrazione lavoroLa somministrazione di lavoro. disciplinato dalla legge 276/2003, è uno strumento che consente alle aziende di beneficiare di una prestazione lavorativa, senza che ciò comporti l’assunzione di tutti gli oneri derivanti dall’instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato.

La forza lavoro (dipendenti) viene acquisita attraverso un contratto stipulato con una società somministratrice di lavoro. Quest’ultima si interpone tra l’imprenditore, che effettivamente utilizza la prestazione lavorativa e il lavoratore, che viene inviato in missione per un periodo di tempo determinato.  

Pertanto, attraverso due distinti rapporti contrattuali, entrano in relazione tre soggetti: 

1.      il primo contratto è denominato contratto di somministrazione, ha natura commerciale ed è stipulato fra l’agenzia e l’imprenditore, utilizzatore della manodopera.

2.      il secondo è invece il contratto stipulato fra agenzia e lavoratore, costituisce il contratto di lavoro, mediante il quale la società somministratrice (che rappresenta il datore di lavoro),  assume a tempo determinato il prestatore d’opera che viene inviato presso l’utilizzatore. 

A seguito dell’abolizione della somministrazione a tempo indeterminato (Legge 24 dicembre 2007, n. 247, art. 1 c. 46), il contratto può essere stipulato solo a tempo determinato, a fronte delle ragioni di seguito esaminate: 

  • tecniche, produttive e organizzative. E’ sufficiente che sussista un motivo oggettivo, cioè una ragione effettiva e comprovabile, anche se riferibile all’ordinaria attività dell’utilizzatore;
  • di carattere sostiutivo. La somministrazione è ammessa  indipendentemente dal fatto che il personale da sostituire si sia assentato per ragioni imprevedibili e non programmabili e che il sostituito abbia il diritto alla conservazione del posto di lavoro.

E’ esclusa la possibilità di sostituire i lavoratori in sciopero;  il contratto in oggetto non è previto per le aziende che nei dodici mesi precedenti abbiano fatto ricorso a licenziamenti collettivi che riguardavano lavoraori adibiti alle stesse mansioni cui si riferisce la somministrazione; per le aziende che abbiano sospeso i rapporti lavorativi, con diritto all’integrazione salariale. 

Trattamento economico. Periodi di misione 

Nei periodi di missione presso l’utilizzatore, i lavoratori hanno diritto a un trattamento economico complessivamente non inferiore a quello dei dipendenti di pari livello, dipendenti dell’azienda, a parità di mansioni svolte.

I contratti collettivi applicati dall’utilizzatore stabiliscono modalità e criteri per la determinazione e corresponsione delle erogazioni economiche correlate ai risultati conseguiti, nella realizzazione di programmi concordati tra le parti o collegati all’andamento economico dell’impresa.

Trattamento economico. Periodi di disponibilità 

Nel periodo in cui rimane in attesa di essere assegnato ad un soggetto utilizzatore, il lavoratore ha diritto ad un’indennità mensile di disponibilità, divisibile in quote orarie, corrisposta dall’agenzia. La misura di tale indennità è stabilita dal CCNL Somministrazione di lavoro, attualmente pari a 700,00 euro mensili lordi.

La legge fissa comunque un limite minimo di indennità di 350,00 euro mensili, divisibile in quote orarie e stabilisce che l’indennità sia proporzionalmente ridotta, in caso di assegnazione di rapporto di lavoro part-time.

Sicurezza sul lavoro

Gli obblighi in materia di tutela della salute e sicurezza sono ripartiti tra agenzia e utilizzatore.

I lavoratori assunti dalle agenzie di somministrazione, sono inquadrati nel settore terziario.

Al lavoratore assunto vengono riconosciuti i seguenti istituti:

infortunio, malattia, assegni familiari, ammortizzatori sociali, ferie e assegno di disoccupazione.  

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *