Home / Motori / Salone auto Detroit 2015: nuovi modelli imperdibili

Salone auto Detroit 2015: nuovi modelli imperdibili

La prima vetrina dell’anno dei motori per il 2015 è il Salone auto di Detroit (12-25 gennaio). C’è grande fermento tra gli appassionati del settore per conoscere e vedere dal vivo i modelli che saranno presentati. La battaglia principale si gioca sui SUV: a competere in prima fila i grandi marchi tedeschi, ovvero la triade BMW, Mercedes e Audi. Già nel 2014 questa sfida ha regalato grandi numeri: 16.5 milioni di auto vendute (+6%). I SUV, come accade da molti anni, sono la preda più ambita dei visitatori al Salone Auto. 

Mercedes ha in serbo novità veramente interessanti a partire dal nuovo GLE coupé, il primo suv sportivo che lancia la sfida diretta alla X6. Ma non solo: occhi puntati anche su CLA 450AMG, GLE 450 coupé AMG e CLA Shooting Brake riservata al mercato europeo. AUDI risponde con il nuovo Q7 che punta sui consumi ridotti e sull’innovazione tecnologica. Il Gruppo BMW punta soprattutto sulla rinnovata Serie 6 (nelle tre diverse versioni coupé, cabrio e gran coupé) e anche sulla nuova MINI John Cooper Works, che per la prima volta viene equipaggiata con un motore a quattro cilindri due litri turbo a benzina da 231 cv e 320 Nm. E dall’Italia? A farla padrone è Alfa Romeo 4C Spider anche se poche sono le novità introdotte rispetto al salone auto di Ginevra dello scorso marzo.

Ma si parla anche della collaborazione con Ferrari e Maserati. La nuova Spider peserà 155 chilogrammi in più della versione europea, per rispettare le regole americane. Insomma tra Suv e auto sportive non si respira di certo aria di crisi a Detroit. Eppure la crisi non ha risparmiato neppure il settore auto: negli States si è anzi appena concluso il periodo di sei lunghi e impegnativi anni di prestiti statali alle case automobilistiche, iniziato appunto alla fine del 2008 e terminato nel 2014. Sarà la volta buona per rilanciare il mercato delle quattro ruote negli Stati Uniti? Ad attendere questa risposta sarà anche la nostra FCA.