Home / News / 19 ANNI DA SCONTARE, NEANCHE UN GIORNO IN GALERA: CHI È LA PIÙ IMPUNITA D’ITALIA

19 ANNI DA SCONTARE, NEANCHE UN GIORNO IN GALERA: CHI È LA PIÙ IMPUNITA D’ITALIA

Due giorni fa è stata arrestata dalla polizia di Cagliari, dove in compagnia di una complice aveva appena svaligiato un appartamento. Lei è una rom di origine bosniaca che detiene un record invidiabile (da parte dei criminali di tutto il mondo). Deve scontare 19 anni di galera per gli oltre 70 furti per cui è stata condannata, ma non ha fatto neanche un giorno di galera.

Come faccia Sabrina Dragutinovic (potete chiamarla anche Vasvija Husic, ma i suoi Alias sono talmente numerosi che si fatica anche a identificarla) a farla franca, è presto detto. Approfitta dell’ordinamento giudiziario italiano, che è uno dei più garantisti del mondo. Al reo è infatti garantita la possibilità di evitare il carcere qualora le condizioni fisiche non siano compatibili con la detenzione.

La rom più impunita d’Italia: d’estate ruba in Sardegna, d’inverno a Roma

L’astuta signora bosniaca si fa trovare sempre incinta al momento dell’arresto o della condanna. Madre di nove figli, non ha alcuna intenzione di fermare le sue gravidanze, che le fanno da salvacondotto. In questa maniera riesce a non finire in carcere e continuare imperterrita la sua carriera criminale. L’autorità giudiziaria di Viterbo, dopo l’ennesima condanna, aveva ordinato che scontasse la pena (il cumulo di pene ha raggiunto i 19 anni e 2 mesi) agli arresti domiciliari ad Aprilia, lei è stata acciuffata (in vacanza?) in Sardegna.

La Sardegna è incredibilmente una delle sue tappe estive. Come emerge da un articolo del luglio di due anni fa, allorché la ladra seriale era stata fermata ad Arzachena dopo aver svaligiato un appartamento. Anche in quel caso l’aveva fatta franca perché risultava in “stato interessante”. Appena un mese fa, alla primatista del furto aveva dedicato un ampio servizio persino il Corriere della Sera. «Tanto non farò un giorno di galera, sono incinta, come tutte le altre volte», aveva dichiarato sprezzante ai carabinieri che l’avevano presa alla Stazione Termini dopo l’ennesimo borseggio. Ha avuto ragione lei.

Loading...