Abolito il segreto bancario

12 dicembre 2011 14:270 commenti

Lotta all’evasione fiscale? Da oggi le cose cambiano radicalmente e potrebbe dirsi definitivamente l’era dei grandi evasori fiscali che nonostante i falsi redditi stracciati ostentati facevano vita da nababbi.

Con l’articolo 11 della manovra del Governo Monti si abolisce il segreto bancario e in sostanza, da adesso in poi, sarà possibile interrogare il cervellone elettronico dell’Anagrafe tributaria per conoscere il conto reale del contribuente ed avere un quadro completo sui movimenti e gli investimenti o le azioni. Insomma si potrà sapere davvero tutto o quasi: fino ad ora, nel momento in cui la Guardia di Finanza effettuava controlli, il cervellone gestito dalla Sogei poteva comunicare semplicemente che il soggetto indicato aveva un conto presso un determinato istituto di credito. A quel punto era necessario effettuare una richiesta della documentazione e del conto direttamente all’istituto di credito.


Ora è sufficiente un semplice click: insomma il lavoro della Finanza a caccia di evasori fiscali sarà senza dubbio facilitato anche se la procedura resterà comunque immutata.

L’accesso ai dati dell’Anagrafe non potrà essere indiscriminato: la procedura resta in pratica sempre la stessa e solo in seguito all’apertura di un procedimento penale o amministrativo sarà possibile inoltrare la richiesta di informazioni.

Insomma non si può parlare di totale abolizione, ma di attenuazione del segreto bancario e se il tempo delle verifiche appare dimezzato allora sarà possibile effettuare maggiori controlli nello stesso periodo considerando anche il fatto che nel corso degli ultimi 30 anni l’evasione fiscale è quintuplicata.

Insomma una buona notizia, ma naturalmente c’è già chi cerca di correre ai ripari il più velocemente possibile portando i capitali all’estero, tra cui la Svizzera, per evitare controlli. L’Italia resta uno dei paesi europei che, a differenza di Londra e Berlino, non ha ancora negoziato con la Svizzera l’accordo per la tassazione sui capitali esportati.






Tags:

Lascia una risposta