Aborto, in Spagna diventa reato

21 dicembre 2013 14:581 commentoDi:

aborto

Il governo conservatore spagnolo guidato da Mariano Rajoy ha approvato ha approvato la revisione della legge sull’aborto in vigore in Spagna dal 2011.

Il nuovo disegno di legge, che dovrà poi essere approvato dal Parlamento, restringe l’accesso all’aborto prevedendolo son in alcune situazioni e diventa un reato penale per i medici che lo praticano.


Se la proposta di legge verrà accettata dal Parlamento spagnolo, fatto quasi scontato dato che il Rajoy gode della maggioranza assoluta, l’aborto per le donne spagnole sarà consentito solo in due casi: nel caso di gravidanza a seguito di uno stupro o solo se la gestante è in grave pericolo di vita.

Il disegno di legge modifica il limite temporale delle 14 settimane precedentemente in vigore portandolo a 22, ma prevede anche l’obbligo di consenso dei genitori in caso di gravidanza sotto ai 16 anni.

Nel disegno di legge, inoltre, viene specificato che i medici che praticano l’aborto in condizioni diverse da quelle previste sono passibili di condanna penale, mentre per le donne non viene specificato.






Tags:

1 commento

  • beh è normale questa legge, senno’ per le coppie di uomini innamorati tra loro ma che non possono completare il loro naturale amore solo con il matrimonio, i figli dove glieli trovano?

    ecco, ora le donne spagnole fanno i figli e gli uomoni innamorati tra loro li cresceranno in una famiglia piena di ammmoooooore

    e almodovar ci potrà fare sopra tanti film

Lascia una risposta