Home / News / Abusi sessuali su 13enne davanti la madre ad Alcamo: arrestati i genitori

Abusi sessuali su 13enne davanti la madre ad Alcamo: arrestati i genitori

Una storia di violenza nel nostro paese e ancora una volta ai danni di minori. Questa volta è accaduto in Sicilia e più nello specifico ad Alcamo un paese in provincia di Trapani dove le violenze ai danni di una ragazzina di 13 anni sarebbero andate avanti per circa un anno. Sono stati 12 interminabili mesi durante i quali una ragazzina di 13 anni è stata costretta ad avere dei rapporti sessuali con il padre e pare che ad alcuni avesse partecipato anche in alcune occasioni la madre. Una vera e propria storia di orrori e di degrado scoperto dalla polizia di Alcamo. Dopo mesi di violenze, la minore esausta pare abbia trovato la forza di confidarsi con Alcuni parenti e dallo sfogo sono partite le indagini degli agenti del commissariato che nel giro di poco tempo hanno ricostruito un contesto di degrado e povertà e portato nella mattinata di ieri ad arrestare i genitori accusati di violenza sessuale. Il padre è stato arrestato e su ordine del GIP di Trapani è stato trasportato nel carcere San Giuliano mentre la moglie si trova al Pagliarelli di Palermo.

“Una storia squallida, purtroppo nel nostro lavoro non si finisce mai di raggiungere il fondo. E questa storiaccia lo conferma, ancora una volta”, dice uno degli inquirenti che si è occupato dell’indagine. “E la cosa incredibile è che è stato il padre, qualche mese fa, a venire in commissariato di polizia ad autodenunciarsi. Si è presentato e ha detto: ‘sono qui perché ho avuto rapporti sessuali con mia figlia'”, ma avrebbe anche aggiunto che i rapporti “erano consensuali”.I genitori In un primo momento avrebbero cercato di difendersi sostenendo che i rapporti con le figlie erano consenzienti, ma poi in un secondo momento l’uomo avrebbe ammesso di avere costretto la figlia ad avere dei rapporti sessuali con lui ed ha anche rivelato il ruolo della moglie.

Al momento delle violenze la ragazzina aveva 13 anni ed era stata anche più volte minacciata dai genitori affinché non rivelasse quello che accadeva entro le quattro mura domestiche. Poi un giorno sarebbe crollata ed ha raccontato tutto ad alcuni parenti ed amici e soltanto allora molto probabilmente Messa alle strette dalla prospettiva della diffusione della notizia, il padre ha deciso di presentarsi in commissariato negando dal primo agli abusi e parlando di rapporti consenzienti poi ammettendo come già abbiamo detto le violenze.

La ragazza è stata sentita dai PM in presenza di uno psicologo e poi ha confermato la vicenda. “Il tutto avveniva con la colpevole complicità della moglie , la quale, nonostante fosse perfettamente a conoscenza delle violenze ripetutamente subite dalla figlia, non solo non ha mai denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine o alla magistratura, ma addirittura in diverse occasioni ha partecipato ai rapporti sessuali con il marito e la figlia”.

Un anno. È durato un anno l’incubo che resterà indelebile come un marchio nella vita di una adolescente di 13 anni. Costretta, davanti agli occhi di quella madre che avrebbe dovuto proteggerla, a subire rapporti sessuali dal padre. «Frequenti» si scopre ora, dopo che la ragazza ha trovato la forza di raccontare quell’ inferno ad alcuni parenti facendo, quindi, scattare le indagini. A diversi rapporti sessuali, stando alla ricostruzione degli eventi, avrebbe partecipato pure la madre.

Marito e moglie sono stati arrestati dalla polizia ad Alcamo, grande centro in provincia di Trapani, Sicilia. E le violenze sono avvenute in un contesto sociale molto degradato, ma che non giustifica gli abusi. Il padre orco, di mezza età, ha parlato di rapporti “consenzienti”, come se una ragazzina potesse acconsentire a fare sesso col padre. L’uomo ha confessato di averla costretta. Mentre la madre-orca non si è mai sognata di denunciare tutto. Anzi, la ragazza violata, dirà poi, veniva vessata e minacciata affinché non lasciasse uscire l’orrore dalle mura domestiche. La ragazza, seguita da una psicologa, è ora stata affidata ai servizi sociali.

Che cos’è la violenza sessuale?

Capire che cos’e’ la violenza sessuale ci aiuta a rispondere.
La violenza sessuale è qualsiasi atto sessuale o un atto riferito al sesso che risulta in una persona a non sentirsi al suo agio, o intimorita o spaventata da questo. È un comportamento che una persona non ha incoraggiato, né scelto.
La violenza sessuale è il tradimento della fiducia e il negare il diritto ad una persona di stabilire cosa avviene al proprio corpo. La violenza sessuale è l’abuso dei diritti e del potere dell’individuo.
La violenza sessuale può essere commessa contro adulti e bambini, donne e uomini e persone provenienti da qualsiasi etnicita’,religione, stato economico ecc.
La violenza sessuale può anche essere definita abuso sessuale o attacco sessuale. I termini utilizzati per descrivere la violenza sessuale, ad esempio “violentare” o “abuso sessuale” hanno un significato generico utilizzato nella conversazione quotidiana e un significato specifico utilizzato per descrivere determinati reati di natura sessuale. In questo sito web impieghiamo tali termini in modo generico e forniamo solo informazioni generiche.
Se ritenete che sia stato commesso un reato di natura sessuale e desiderate presentare denuncia, potreste cercare ulteriore consulenza altrove. Potete farlo contattando il servizio per la violenza sessuale nella vostra zona [in inglese!, la polizia, il vostro medico o un avvocato privato.Contattando qualcuno quanto prima potrebbe favorire la situazione e questi servizi possono fornirvi informazioni sui diritti e sulle opzioni disponibili.
La violenza sessuale assume molte forme
Comprendere che cos’è la violenza sessuale ci aiuta a reagire quando un amico, un famigliare o un cliente rivela di avere subito tale violenza. La lista seguente fornisce alcuni esempi di violenza sessuale:
• Molestia sessuale.
• Palpeggiamenti o baci non desiderati.
• Attività sessuali o attività a sfondo sessuale forzate o costrette, incluse attività che includono violenza o dolore.
• Esposizione di genitali, ad esempio ‘esibizionismo’.
• Stalking o una continua ossessione di un individuo
• Essere osservati da qualcuno senza la propria autorizzazione quando si è nudi o impegnati in attività sessuali.
• Pubblicazioni di immagini sessuali su Internet senza autorizzazione
• Essere forzati o costretti da qualcuno a guardare o a partecipare in attività pornografiche.
• Alterazione di bevande o utilizzo di droghe e alcool per ridurre o interferire con la capacità di una persona di compiere delle scelte relative al sesso o all’attività sessuale.
• Avere rapporti sessuali con qualcuno che sta dormendo o è gravemente sotto l’effetto dell’alcool e/o di altre sostanze stupefacenti.
• Giochi particolari e storie volgari o allusive, o mostrare immagini a fondo sessuale che costituiscono un comportamento ripetuto costrittivo, intimidatorio o profittatore.
• La violenza sessuale (penetrazione da parte di qualsiasi oggetto).

L’adescamento” di minori o persone vulnerabili per coinvolgerle in attività sessuali di qualsiasi tipo.
• Qualsiasi atto sessuale con un minore.
La violenza sessuale non è espressione sessuale. La violenza sessuale è un comportamento o un’azione sessuale non desiderata che utilizza l’intimidazione, la costrizione o la forza, per esercitare autorità o negare i diritti di scelta aN’individuo. La violenza e l’abuso sessuale possono essere eventi singoli o parte di un comportamento ripetuto di violenza. Comportano una gamma di conseguenze fisiche, emotive e psicologiche.
Fatti sulla violenza sessuale
Alcune cose importanti da riconoscere sulla violenza sessuale:
• La maggior parte degli atti di violenza sessuale sono commessi da uomini contro donne e bambini.
• Anche gli uomini subiscono violenza sessuale, in predominanza ad opera di altri uomini.
• La maggior parte delle persone che subisce una violenza sessuale conosce o ha conosciuto
di recente il perpetratore della violenza.
• Alcuni atti di violenza sessuale sono anche reati.
• La denuncia alla polizia può essere una decisione difficile. I limiti del nostro sistema giudiziario e il modo in cui vengono raccolte le prove possono essere difficili da affrontare.
• Le persone che hanno subito violenza sessuale rispondono in molti modi diversi, talvolta con emozioni molto forti, altre volte ritirandosi in se stessi. Capire il trauma causato dalla violenza ci aiuta a reagire in modo adeguato.
• La violenza sessuale è un abuso degli squilibri di potere esistenti nella società.
• La maggior parte di casi di violenza sessuale non viene denunciata alla polizia.
Gli effetti della violenza sessuale
La violenza interpersonale, come la violenza sessuale, è uno degli eventi più traumatici che possa essere vissuto da una persona. Rispondere alle esigenze immediate di vittime/sopravvissuti e dar loro credito/fiducia, e non minimizzando il tutto aiuta a ridurre ulteriori danni. Dare continuo sostegno alle persone durante il recupero è importante,come lo e’ il modo e il dovuto tempo richiesto da loro per farlo .

Loading...