Adolescente uccide bimba per noia

12 gennaio 2012 08:070 commenti

Alyssa Bustamante, una 17enne del Missouri ha raccontato alla Corte di aver ucciso la sua vicina di casa di nove anni (Elisabetta Olten) perché era curiosa di capire cosa si provava a sgozzare una persona. L’episodio si è verificato nel 2009 a St. Martins, una cittadina rurale a ovest di Jefferson City e all’epoca della tragedia la ragazza aveva appena 15 anni, ma dai suoi racconti è evidente la premeditazione e la grande lucidità mentale della giovane killer.

la confessione è giunta a due anni dall’arresto e uno degli aspetti che ha stupito maggiormente la Corte è la grande freddezza provata durante la deposizione, infatti la ragazzina ha rivelato con precisione lo svolgimento della vicenda senza tralasciare alcun dettaglio.


Le affermazioni che hanno colpito di più sono state senza dubbio quelle riguardanti le modalità del delitto come per esempio:”l’ho strangolata, pugnalata al petto e sgozzata” e poi al termine dell’interrogatorio la Bustamante ha detto che in quel momento aveva ben chiaro quello che stava facendo e quello che sarebbe successo. La giovane, che diventerà maggiorenne a fine mese, è stata condannata dalla giuria per omicidio di primo grado con relativo ergastolo, ma a causa di alcuni errori procedurali avendo confessato solo ora l’omicidio ora rischia da un minimo di 10 ad un massimo di 30 anni di carcere. Dopo la confessione la madre della bambina è scoppiata in lacrime, nonostante stesse cercando di rimanere fredda e non far trasparire eccessivamente il suo dolore.






Tags:

Lascia una risposta