Affonda in Libia un altro barcone di migranti, 200 morti

15 settembre 2014 10:520 commenti

La marina militare di Tripoli ha reso noto che a largo di Tajoura in Libia, è naufragato un barcone pieno di migranti a bordo. Al momento si ritiene che i morti siano più di 200 e tra loro molte sono le donne.

Lampedusa immigrati clandestini

Un barcone con 250 persone a bordo è affondato a largo della costa di Tajoura in Libia. La marina militare di Tripoli sostiene di essere riuscita a salvare soltanto 26 persone per cui molti sono i cadaveri in mare e si stima che tante delle vittime di quest’ultimo naufragio diano donne. A parlare è il portavoce Ayub Qassem che precisa come le vittime fossero in gran parte di origine africana. Quassem aggiunge che molti sono i morti che galleggiano a largo delle coste libiche.


Purtroppo la marina militare ricorda che i soccorsi e le ricerche sono molto difficili perché scarseggiano i mezzi a disposizione della guardia costiera. Si usano ancora dei battelli da pesca o dei rimorchiatori presi in prestito dal Ministero del Petrolio. Tanto di questo caos è partito dopo l’uccisione di Gheddafi nel 2011. La marina libica e in difficoltà e i trafficanti di esseri umani ne approfittano.

> Nelle acque maltesi l’ennesimo naufragio di migranti

Si tratta di una tragedia, dell’ennesima tragedia a poche ore dal naufragio di un’altra barca a largo di Malta. L’agenzia Habeshia che raccoglie i dati sull’immigrazione spiega che le persone scomparse dall’inizio dell’anno sono circa 2000. Si tratta del bilancio più pesante dal 2011 ad oggi. In tutto, dal 1988 i migranti che hanno perso la vita nel viaggio che li avrebbe dovuti portare in Italia sono stati 20.200.






Tags:

Lascia una risposta