Home / News / Alda D’Eusanio dimessa dall’ospedale
La popolare giornalista televisiva è stata dimessa in ottime condizioni di salute dal Policlinico Gemelli di Roma, ove il 24 gennaio scorso era stata ricoverata per un trauma cranico dopo essere stata investita da un ciclomotore nel centro della città.

Alda D’Eusanio dimessa dall’ospedale

dimessa dall'ospedaleLa giornalista Alda D’Eusanio è stata dimessa dal reparto di Neurochirurgia del Policlinico Gemelli, ove era stata ricoverata due settimane fa, il 24 gennaio scorso, dopo essere stata investita da un ciclomotore mentre attraversava la strada fuori dalle strisce pedonali in corso Vittorio Emanuele II, nel centro di Roma. La nota conduttrice televisiva, nella caduta seguita all’urto col motorino, aveva violentemente battuto la testa e riportato un importante trauma cranico per il quale era stata prima ricoverata con codice rosso all’ospedale Santo Spirito e poi trasferita in prognosi riservata nel reparto di Neurochirurgia del Policlinico universitario Gemelli, diretto dal Prof. Maira.

La grande paura destata inizialmente dalle condizioni di salute della giornalista, apparsa in stato confusionale seppur vigile e cosciente ai primi soccorritori, aveva progressivamente lasciato spazio all’ottimismo fino a quando, il 30 gennaio scorso, i medici avevano sciolto la prognosi a seguito dell’esito positivo degli esami cui era stata sottoposta e che non avevano evidenziato alcun deficit funzionale o neurologico.

Ieri la D’Eusanio ha potuto finalmente lasciare il nosocomio capitolino essendosi pienamente ristabilita ed avendo recuperato delle ottime condizioni di salute, così come dichiarato anche dai medici del Gemelli in una nota inviata alla stampa. Al momento non è dato sapere se l’ex presentatrice di “Al posto tuo” e “Ricominciare” proseguirà la convalescenza in un’altra struttura sanitaria o se farà ritorno a casa; l’augurio dei tanti fans è quello di rivederla presto in televisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *