Allarme gravidanze giovani under 18

22 novembre 2013 13:180 commenti

pancia-gravidanza

Sono sempre più numerose le giovani donne, in alcuni casi davvero giovanissime, che scoprono di essere in attesa di un bambino. A rivelarlo sono i dati diffusi nei giorni scorsi in merito alle interruzioni volontarie di gravidanza chieste da ragazze minorenni presso l’ospedale San Camillo-Forlanini di Roma nel periodo compreso tra il 2000 e il 2012.

Nel dettaglio, durante tale periodo sono state registrate 2.715 interruzioni volontarie di gravidanza di donne entro il diciottesimo anno di età, di cui 2.058 italiane e 657 straniere. Il dato ancora più preoccupante è che di queste 165 ragazze erano almeno alla seconda interruzione, mentre circa una settantina di queste avevano un’età compresa tra i 14 e i 15 anni. Presso lo stesso ospedale, inoltre, nel periodo sopra indicato, sono state 416 le donne aventi un’età fino a 18 anni che dopo aver avuto un esito positivo del test di gravidanza hanno deciso di tenere il bambino.

Si tratta di dati senza dubbio allarmanti, soprattutto considerando che riguardano un solo ospedale italiano. Anche in Italia, dunque, è scattato l’allarme che ormai già da alcuni ha colpito gli Stati Uniti, dove sono state avviate una serie di iniziative volte a portare alla luce il problema e a cercare di rendere consapevoli le giovani adolescenti delle conseguenze che possono avere rapporti sessuali non protetti. Questo soprattutto considerando che nella maggior parte dei casi, stando ai dati emersi, l’interruzione della gravidanza risulta strettamente correlata al livello culturale, pertanto una corretta informazione in merito alla fisiologia della riproduzione e ai metodi di contraccezione può sicuramente aiutare a ridurre il numero di gravidanze indesiderate e quindi il numero di interruzioni volontarie di giovani under 18.

Tags:

Lascia una risposta