Alluvione Messina quattro morti c’è anhe un bambino

23 novembre 2011 09:170 commentiDi:

Pioggia incessante e violente raffiche di vento stanno mettendo in ginocchio l’intera provincia di Messina.

Ieri una frana ha travolto l’abitato di Scarcelli, una frazione del comune di Saponara, dove si è registrato un ennesimo tragico bilancio, quattro persone sono morte sotto le macerie, dopo che lo smottamento ha investito la loro abitazione, tra queste c’è un bimbo di 10 anni.

Nella zona si continua a scavare tra il fango, oltre ai vigili del fuoco e alla protezione civile, numerosi i volontari alla ricerca di eventuali dispersi.

Molte le persone che attrezzate di vanghe si sono messe al lavoro per ripulire le strade e le cantine invase dal fango. E intanto vogliono testimoniare ciò che hanno provato durante questo inferno.

“Vivo qui da 20 anni – racconta Giovanni, 48 anni mentre con la pala in mano toglie il fango che ricopre la sua abitazione – non era mai successa una cosa del genere. Le case crollate erano lì da almeno 50 anni. In passato non c’é mai stato un caso del genere: è stata una tragedia. Eravamo tutti bloccati e non si poteva scappare”.

Il maltempo ha colpito buona parte del sud Italia, ieri a Catanzaro, un treno è deragliato nel pomeriggio tra Feroleto e Marcellinara. Il convoglio è uscito dai binari dopo aver attraversato un ponte ferroviario, crollato subito dopo il passaggio del locomotore.

Fortunatamente c’è stato solo molto panico tra i passeggeri a bordo e qualche contuso.

Le nubi che ricoprono il cielo non promettono nulla di buono, sono infatti attese, per oggi, ancora precipitazioni.

Ultimo aggiornamento 23 novembre 2011 ore 10,17

Tags:

Lascia una risposta