Amanda fa ricorso per calunnia

7 febbraio 2012 11:020 commenti

Dopo l’assoluzione per l’omicidio di Meredith Kercher lo scorso ottobre, Amanda Knox vuole vincere su tutti i fronti, infatti ieri ha fatto ricorso alla corte d’appello di Perugia contro la sentenza di condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba.

Il portavoce della studentessa americana ha riferito di aver presentato tutto il materiale presso il suo avvocato italiano, ma che purtroppo non sa ancora quando la Corte d’Appello di Perugia esaminerà il caso. Patrick Lumumba ha denunciato Amanda nel 2007, dopo che la ragazza aveva rilasciato delle dichiarazioni che facevano presupporre il coinvolgimento dell’uomo nell’omicidio di Meredith, infatti per questi motivi il congolese passò ingiustamente  due settimane in carcere.

Fortunatamente l’uomo aveva un alibi di ferro, infatti molti clienti del suo locale hanno riferito di averlo visto per tutta la serata, mentre prestava servizio nel suo pub a Perugia, così la Knox , messa alle stratte dalla Polizia ritrattò completamente la sua deposizione. L’omicidio della studentessa inglese rimane tutt’ora avvolto nel mistero, infatti a distanza di cinque anni le forze dell’ordine e la Polizia scientifica non sono riusciti a ricostruire la vicenda e a catturare il responsabile del delitto. Meredith fu trovata morta la notte del 1° novembre 2007, nella stanza che condivideva con altri studenti e con la gola tagliata, in seguito furono condannati rispettivamente a 26 e 25 anni di reclusione in primo grado Amanda Knox e Raffaele Sollecito e poi assolti in appello il 3 ottobre scorso.

Tags:

Lascia una risposta