Amanda Knox vuole tornare a Perugia

22 giugno 2012 14:440 commenti

Amanda Knox, la studentessa americana accusata insieme a Raffaele Sollecito di aver ucciso Meredith Kercher, vorrebbe tornare a Perugia e visitare il carcere di Capanne, la prigione di Perugia in cui è stata rinchiusa per quattro anni.

A rivelarlo al Daily Record è stato Leo Ariel, musicista italiano amico di penna di Amanda, al quale la studentessa avrebbe raccontato che, sebbene i quattro anni trascorsi in carcere siano stati un periodo buio della sua vita, lei è ancora molto innamorata dell’Italia e le piacerebbe tantissimo tornare a passeggiare per le strade di Perugia, nonché tornare a salutare tutte le persone che le sono rimaste accanto durante il periodo trascorso lì. Tra queste soprattutto un’amica che Amanda chiama “mamma” e che le è stata particolarmente vicina durante gli anni che è stata costretta a trascorrere in prigione.


AMANDA KNOX E IL SUO CALVARIO, UNA STORIA CHE VALE MILIONI

Nel frattempo Amanda fa la scrittrice a tempo pieno. A Seattle, la sua città natale in cui è immediatamente tornata dopo la scarcerazione, sta scrivendo la sua biografia. Nel manoscritto, spiega l’amico, Meredith non viene mai citata, probabilmente perché Amanda la considerava un’amica e non coinvolgerla è visto come un segno di rispetto verso la sua famiglia. L’obiettivo del libro è quello di fare chiarezza su tutto ciò che è stato scritto o che è stato detto su di lei, per far conoscere a tutti la vera Amanda Knox.






Tags:

Lascia una risposta