Anticipazioni report Rai tre domenica 6 maggio 2012

4 maggio 2012 10:100 commenti

Dopo essersi occupata degli effetti nocivi dell’aspartame, nel corso della prossima puntata, in onda su Rai 3 domenica 6 maggio alle ore 21:30, la trasmissione Report condotta da Milena Gabanelli esaminerà i conti delle tre più grandi banche italiane: Unicredit, Intesa Sanpaolo e soprattutto Banca Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica del mondo che ha chiuso il bilancio 2011 con una passività di 8,4 miliardi di euro, un risultato che ha portato ad una vera e propria rivoluzione.

ASPARTAME POTENZIALMENTE CANCEROGENO

Lo scorso marzo, infatti, i dipendenti hanno manifestato percorrendo le strade della città con striscioni e slogan e mettendosi per la prima volta dal 1972 ad oggi contro quello che dagli abitanti di Siena è chiamato Babbo Monte. Come la maggior parte dei lavoratori italiani, quello che gli 8.000 dipendenti della banca senese chiedono è che i sacrifici e i tagli agli stipendi non riguardino solo loro ma anche il management della banca stessa e che allo stesso tempo vengano tagliate le consulenze e gli sprechi che hanno portato in rosso i conti dell’istituto. Basti pensare che nel bilancio della banca compare anche una spesa di 20.000 euro per lo studio di omega centauri, il possibile anello di congiunzione tra gli ammassi globulari e le galassie sferoidali nane. Questo e tanto altro per  capire come “come si fa a bruciare 500 anni di storia in 10 anni“.

Tuttavia, se l’attenzione è concentrata principalmente su Monte dei Paschi, molti dei problemi della banca senese riguardano anche altre banche italiane. Seppure presentino conti leggermente migliori rispetto ad MPS, sia Unicredit che Intesa Sanpaolo hanno realizzato svalutazioni su titoli e avviamenti per importi molto rilevanti (rispettivamente circa 8 e 10 miliardi di euro).

Si parlerà poi dei prestito agevolato all’1% della Bce alle banche italiane e sul tasso che invece queste applicheranno nel prestare questi soldi alle aziende e alle famiglie italiane, sempre che decidano di farlo.

Tags:

Lascia una risposta