Antitrust, aperta istruttoria contro Groupon

23 dicembre 2013 18:080 commentiDi:

groupon-home

Il 2013 si conclude con una brutta notizia per Groupon, la famosa piattaforma di e-commerce che vende servizi di tutti i generi a prezzi molto scontati: l’antitrust, l’autorità che vigila sul rispetto dei diritti dei consumatori e delle leggi della libera concorrenza, ha dato avvio ad una istruttoria per diffusione di informazioni commerciali ingannevoli.

L’istruttoria è sorta a seguito delle tante segnalazioni arrivate dalle associazioni dei consumatori.

In pratica, secondo l’Antitrust, le informazioni che vengono date al cliente in sede di acquisto del servizio sono ingannevoli, omissive e in grado di generare confusione nel consumatore sia per quanto riguarda i prezzi che le caratteristiche delle offerte proposte.


Punto sul quale si è concentrata l’attività dell’Antitrust sono i diritti del consumatore in caso di mancato godimento del servizio. Le condizioni commerciali diffuse dalla piattaforma non sempre specificano che il rimborso può avvenire in buoni e non in contanti e che in caso di mancato utilizzo dei coupon per cause addebitabili alle società del gruppo Groupon o ai loro partner (es. nei casi di overbooking) questo può essere parziale o nullo.

Oltre a ciò, l’Antitrust ha messo sotto la lente di ingrandimento anche il servizio assistenza di Groupon, accusato di non essere in grado di gestire i reclami dei consumatori nelle diverse ipotesi di non utilizzabilità dei coupon acquistati, ostacolando così l’effettivo esercizio dei diritti contrattuali.






Tags:

Lascia una risposta