Arrestato il sindaco di Casapesenna

10 febbraio 2012 11:020 commenti

Fortunato Zagaria, il sindaco di Casapesenna è stato arrestato durante un’operazione condotta dalla Dia di Napoli per violenza privata nei confronti del precedente primo cittadino della città.

L’uomo, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe consigliato a Giovanni Zara di non assumere iniziative pubbliche contro la camorra, perché legato a Michele Zagaria, un noto boss malavitoso arrestato lo scorso dicembre proprio nella stessa città.

Il giorno dell’arresto del boss, Zagaria aveva commentato la cattura dicendo di essere molto felice, perché troppo spesso i giovani si fanno affascinare dal mondo della camorra, visto il grande tasso di disoccupazione. In quell’occasione Zagaria diceva ai microfoni delle emittenti locali che il conto prima o poi si paga e che l’arresto del boss sarebbe stato solo un primo passo verso la sconfitta totale della camorra.

L’operazione è partita alle prime luci dell’alba su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli nella quale sono state effettuate numerose perquisizioni nel casertano, nel basso Lazio presso le residenze di alcuni consiglieri di Casapesenna accusati dalle forze dell’ordine di aver favorito il clan dei Casalesi e in particolare Michele Zagaria. Gli investigatori stanno ricostruendo proprio in queste ore la rete di conoscenze che avrebbero permesso al boss di rimanere latitante per 17 anni prima della cattura. I pm iovanni Conzo, Catello Maresca e Raffaello Falcone sperano di trovare informazioni utili negli uffici del Comune per riuscire a capire chi ha costruito il bunker nel quale Michele Zagaria si nascondeva quando è stato arrestato.

Tags:

Lascia una risposta