Asteroide potrebbe colpire la Terra nel 2040

29 febbraio 2012 16:570 commenti

potrebbe colpire la Terra nel 2040La nefasta profezia non viene stavolta dall’antico popolo Maya, ma preoccupa forse ancora di più perché elaborata con i sofisticatissimi strumenti a disposizione della Nasa: la fine del mondo così come lo conosciamo potrebbe essere datata 5 febbraio 2040, giorno in cui un asteroide potrebbe impattare la Terra, causando imprevedibili sconvolgimenti. L’oggetto celeste, scoperto nel gennaio 2011 dall’osservatorio di Mount Lemmon Survey di Tucson, in Arizona, e battezzato “2011afg5”, ha un diametro di 140 metri e tra meno di trent’anni passerà molto vicino al nostro pianeta con almeno una possibilità su 625 di incrociarne l’orbita.

Anche se col tempo potrebbe modificarsi, la probabilità d’impatto attualmente calcolata non è affatto rassicurante se si considera che dal punto di vista scientifico si tratta di una delle proporzioni più alte nella storia dell’umanità, mentre conforta, almeno parzialmente, il dato secondo cui “2011afg5” avrebbe dimensioni di gran lunga più ridotte rispetto al corpo celeste (di 10 chilometri di diametro) che, secondo le ricostruzioni degli scienziati, colpì la penisola dello Yucatan alla fine del periodo Cretaceo, circa 65,5 milioni di anni fa, causando l’estinzione di massa dei dinosauri.

Se ne saprà di più tra il 2013 e il 2016, quando l’asteroide sarà osservabile dalla Terra e sarà possibile affinare i calcoli modificando le probabilità d’impatto, ma la minaccia spaziale viene comunque attentamente valutata da un’agenzia delle Nazioni Unite, la “UN Action Team near-Earth objects”, che sta già studiando gli strumenti da adottare per modificare eventualmente la traiettoria del corpo celeste, deviandolo da una sua possibile rotta verso la Terra.

Tags:

Lascia una risposta