Augusto Minzolini rinviato a giudizio

7 dicembre 2011 10:010 commenti

Il gup del Tribunale di Roma Francesco Patrone ha deciso in merito alla vicenda che vede  coinvolto l’attuale  direttore  del Tg1 Augusto Minzolini, accusato di peculato per un uso improprio che avrebbe fatto della carta di credito aziendale. 

Augusto Minzolini è stato rinviato a giudizio, e il processo prenderà il via il 8 marzo.  Sempre nel merito di questa vicenda la RAI ha già annunciato l’intenzione di costituirsi parte civile per il danno di immagine e per i “residuali” danni di natura non patrimoniale.


Il giornalista, che peraltro ha già provveduto a restituire la somma di 65 mila euro, fa sapere che non ci sta a fare il capro espiatorio. In realtà il direttore del Tg1 è centro di una vicenda ben più complessa e delicata che riguarda  il lento ed inesorabile calo di ascolti del suo telegiornale infatti, secondo i dati Auditel  l’edizione di punta del telegiornale, quella delle ore 20 è passata da uno share del 31,7% di giugno 2008 (all’epoca in cui era direttore Gianni Riotta) al 16% di questi ultimi giorni (superato dal Tg5 e anche dal Tg3) perdendo quasi 4 milioni di telespettatori, e le ragioni sono semplici e sotto gli occhi di tutti.

Il telegiornale della rete ammiraglia della Rai viene giudicato troppo “di parte” al punto che nel 2010 è arrivata anche una diffida da parte dell’AgCom a causa del “forte squilibrio” nel riportare le notizie. L’ultimo esempio, più di tutti gli editoriali che il direttore ha propinato ai telespettatori, è lampante infatti durante l’edizione serale del 6 dicembre, giorno in cui è stato deciso il rinvio a giudizio, non è stato fatto alcun riferimento alla vicenda che vede coinvolto il direttore Minzolini.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta