Aumentano tasse e bollette, stangata da 1.394 euro a famiglia

28 dicembre 2013 12:370 commentiDi:

ECONOMIA FINANZA SOLDI

Il 2014 sarà un altro anno difficile per le finanze delle famiglie italiane. Tanti i prodotti e i servizi che vedranno lievitare il loro prezzo a partire dal 1° gennaio 2014 e, anche se singolarmente gli aumenti previsti sono molto bassi, il loro complesso porterà ad un esborso per le famiglie di 1.394 euro.

Questi i calcoli di Adusbef e Federconsumatori, che lanciano l’ennesimo allarme.

Tra pochi giorni, con l’arrivo del nuovo anno, aumenteranno i prezzi dei carburanti, dei prodotti dei distributori automatici (per effetto dell’aumento dell’Iva si questi prodotti dal 4 al 10%), aumenteranno le tariffe per l’energia elettrica e, fattore ancor più importante nella valutazione della spesa complessiva delle famiglie, l’aumento dell’Iva che si ripercuoterà su tutto l’anno, e non solo su una sua parte come accaduto nel 2013.

Le motivazioni di tali aumenti – secondo Adusbef e Federconsumatori – non sono solo legate alle solite volontà speculative, tra cui quelle perniciose delle banche e assicurazioni che già detengono tristi primati europei, ma anche a nodi irrisolti della nostra struttura economica, in tema di competitività e di oppressione burocratica, nonché dei servizi pubblici che scaricano sprechi, inefficienze e clientelismo sui prezzi e sulle tariffe.

Quindi, tutto compreso, le famiglie italiane dovranno sborsare ben 1.394 euro in più rispetto allo scorso anno, il che, come sottolineano le due associazioni, si ripercuoterà sul potere di acquisto delle famiglie contraendo ancor di più i consumi.

Tags:

Lascia una risposta