Aumento bolletta gas e calo bolletta luce

30 dicembre 2012 12:170 commenti

A partire dal primo gennaio 2013 i contribuenti saranno alle prese con una notizia buona e una cattiva. La cattiva notizia concerne le tariffe del gas, le quali aumenteranno, mentre la buona notizia è che in compenso scenderanno seppur di poco quelle della luce. Per quanto riguarda le tariffe del gas, la decisione è stata presa dall’Autorità per l’energia. La bolletta, su base annua, aumenterà dell’1,7% (circa 22 euro in più nell’arco dei dodici mesi). Magra consolazione: la bolletta della luce calerà invece di 7 euro nell’arco, e dunque diminuirà in percentuale dell’1,4%.

LUCE

Per quanto concerne il piccolo calo dell’1,4% dell’energia elettrica, ciò è stato in sostanza reso possibile dalla concorrenza. La riduzione del 3,6% della componente energia (in particolar modo per quanto riguarda produzione, dispacciamento e commercializzazione)è un risultato ottenuto in virtù dei significativi ribassi del prezzo nel mercato all’ingrosso, iniziato nell’ottobre 2012.


Controbilanciamento

Nel contempo, tuttavia, occorre segnalare un aumento di 0,5 punti delle tariffe di rete e inoltre un aumento di 1,7 punti in percentuale per quanto riguarda la forma dell’adeguamento degli oneri generali. Menzioniamo in base all’ultimo punto la copertura degli incentivi per le fonti rinnovabili e assimilate. I contribuenti erano comunque già preparati.

GAS

Per quanto concerne il gas, sull’incremento dell’1,7% hanno pesato l’aumento dell’1,4% per l’aggiornamento delle tariffe di distribuzione, misura, trasporto e stoccaggio e l’aumento di quasi 0,5 punti in percentuale servito ad aggiornare anche in questo caso gli oneri di natura generale.

Controbilanciamento

Anche in questo caso c’è una ‘magra consolazione’ derivante dalla diminuzione dello 0,2% circa per l’aggiornamento della materia prima, che è scesa rispetto al quarto trimestre 2012 come testimoniano gli andamenti pregressi delle quotazioni dei prodotti petroliferi sui mercati internazionali.






Tags:

Lascia una risposta