Aumento tasse universitarie studenti fuori corso

27 luglio 2012 15:560 commenti

Un emendamento al decreto legge sulla spending review prevede la possibilità per gli atenei di applicare tasse più alte a carico degli studenti fuori corso.

L’emendamento, tra l’altro già approvato dalla Commissione Bilancio del Senato, prevede che a carico degli studenti fuori corso le università potranno applicare un rincaro fino al doppio dell’importo previsto per gli studenti in corso, mentre per gli studenti aventi un reddito superiore a 150.000 euro l’aumento potrà essere addirittura pari al 100% della somma richiesta agli studenti al passo con il corso di studi.


I criteri a cui gli atenei dovranno attenersi qualora decidessero di applicare una tassazione diversa agli studenti in corso e a quelli fuori corso saranno contenuti in un decreto del ministero dell’Istruzione. Tali incrementi, in ogni caso, dovranno essere disposti entro il 31 marzo di ciascun anno, dovranno basarsi sui principi di equità, progressività e redistribuzione e dovranno tener conto degli anni di ritardo rispetto alla durata normale dei rispettivi corsi di studio, del reddito familiare Isee e del numero degli studenti appartenenti al nucleo familiare iscritti all’università. Un occhio di riguardo si dovrà inoltre avere per gli studenti lavoratori.

L’emendamento prevede che i maggiori introiti derivanti da tali incrementi dovranno essere utilizzati per metà per borse di studio e per l’altra metà per il finanziamento di servizi abitativi, di orientamento, di ristorazione e di assistenza.






Tags:

Lascia una risposta